Social

Bitonto - martedì 10 gennaio 2017 Attualità

Emergenza meteo

Quel che resta della neve: ghiaccio e strade ancora impraticabili

Mentre le previsioni annunciano nuove precipitazioni, la città fa i conti con le conseguenze delle nevicate dei giorni scorsi

Pavimentazione spaccata in piazza XXVI Maggio © n.c.
di La Redazione

Dopo due giorni di tregua, la neve dovrebbe tornare a cadere oggi. Le previsioni annunciano precipitazioni deboli fino a sera e temperature attorno a zero gradi. 

Intanto, Bitonto fa i conti con il ghiaccio e i cumuli di neve ormai mista a fango che ancora ingombrano la maggior parte delle strade, nonostante l'azione incessante di Polizia municipale, Asv e volontari (compreso il sindaco Michele Abbaticchio) per ripristinare condizioni di sicurezza e agibilità di vie e marciapiedi, e per portare soccorso alle persone più fragili bloccate in casa. 

Alla redazione di BitontoLive sono giunte decine di messaggi e segnalazioni che "fotografano" lo stato d'animo e la percezione dei cittadini, sgomenti di fronte ad un'emergenza che ha colto impreparata l'intera Puglia, mostrando tutta la fragilità della macchina di protezione civile regionale.    

Ieri sera veniva segnalato lo stato ancora impraticabile dell'uscita della stazione Medici delle Ferrovie Nord Barese, "trasformata in pista da pattinaggio pur essendo uno dei primi luoghi pubblici che andava sgomerato dalla neve". La foto che pubblichiamo è stata scattata alle 17.55 di ieri.

Oltre alle richieste d'intervento per liberare le strade (girate direttamente a chi di competenza), c'è chi scrive: "Più che segnalazione vorrei fare una considerazione: ben venga la notte di Capodanno spendere dei soldi per divertire la comunità bitontina, ma in questa emergenza, anche spendendo la stessa cifra, si potevano precettare le imprese bitontine che hanno mezzi che possono far fronte a questa nostra emergenza".

Ed è giunta all'alba di oggi l'ultima segnalazione, che fotografa i danni vistosi alla pavimentazione di piazza XXVI Maggio: "a causa dei lavori di rimozione del ghiaccio i mattoni sono stati letteralmente spaccati quasi tutti".

Lascia il tuo commento
La pubblicazione dei commenti deve rispettare alcune Regole di buon costume e rispetto nei confronti degli altri
Clicca qui per maggiori dettagli
Commenta
  • Violano la legge sulla stampa
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Sono scritti in chiave denigratoria
  • Contengono offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede
  • Incitano alla violenza e alla commissione di reati
  • Contengono messaggi di razzismo o di ogni apologia dell’inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto ad altre
  • Contengono messaggi osceni o link a siti vietati ai minori
  • Includono materiale coperto da copyright e violano le leggi sul diritto d’autore
  • Contengono messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S. Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti web non inerenti agli argomenti trattati
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono.
3 Commenti
  • fra diavolo ha scritto il 10 gennaio 2017 alle 13:35 :
    questo purtroppo si verifica quando si lavora con incompetenti e con l’acqua alla gola. E IO PAGO, E IO PAGO.!!!!!!!!!!!!!!!
  • Demetrio Prota ha scritto il 10 gennaio 2017 alle 13:54 :
    Ero a Bitonto il 4,5,6 e 7 gennaio. Dovero ripartire il 7 gennaio ma come se le strade erano impraticabili? Il passaggio di un mezzo spalaneve (ridicolo) ha aggravato la situazione lasciando una lastra di ghiaccio sulla strada. Sono ripartito domenica 8 gennaio e non so come pur avendo montate le gomme termiche (in tante regioni sono obbligatorie dal 15 novembre al 15 aprile) sono arrivato al casello autostradale di Bitonto: da lì una passeggiata per oltre 800 km. I commenti li lascio a voialtri. Saluti cari (ora che ne sono uscito) a tutti i bitontini.
    fra diavolo ha scritto il 11 gennaio 2017 alle 13:57 :
    ho già scritto in precedenza che abbiamo avuto a che fare con incopetenti e con mezzi non idonei. Non siamo ne abituati e ne organizzati per questi eventi pertanto non lamentiamoci per quel poco che si è riuscito a fare. Replico, al nostro paese basta una piccola pioggia per allagarsi completamente causando danni ingenti ad abitazioni, pian terreni negozi e scantinati, questa situazione va avanti da decenni eppure non si riesce a far niente. Quindi concludo dicendo: beato te che non sei più a Bitonto.
Chiudi Non visualizzare di nuovo