Social

Bitonto - martedì 10 gennaio 2017 Attualità

Effetti della neve dal campo alla tavola

L'allarme di Coldiretti: «Ortaggi più cari del 200% a causa del gelo»

Decine di migliaia di aziende agricole hanno perso le produzioni invernali

Ortaggi "bruciati" dal gelo © n.c.
di La Redazione

Coldiretti lancia l'allarme sugli effetti del gelo e della neve che hanno provocato danni nelle campagne, ancora incalcolabili per il nuovo aggravarsi della situazione meteo.

I prezzi degli ortaggi aumenteranno in media del 200% dal campo alla tavola, prevede Coldiretti, che mette in guardia dalle speculazioni causate dal maltempo che ha colpito le regioni del Mezzogiorno, dalle quali provengono gran parte delle produzioni orticole Made in Italy che finiscono sugli scaffali. Dalla Puglia alla Basilicata, dalle Marche al Lazio, dall'Abruzzo al Molise, dalla Sicilia alla Calabria sono salite a decine di migliaia le aziende agricole che hanno perso le produzioni di ortaggi invernali prossimi alla raccolta: carciofi, rape, cavolfiori, cicorie, finocchi e scarole, per effetto del gelo che ha bruciato le piantine. Gravi anche i danni ad agrumeti e vigneti di uva da tavola, che hanno ceduto sotto il peso della neve.

Secondo le rilevazioni del Centro ortofrutticolo di Roma tra gli aumenti più pesanti rispetto alla prima settimana del 2016 spiccano il +350% delle bietole, il +233% dei cipollotti, il +225% degli spinaci, il +170% della lattuga, il +157% delle zucche, il +150% dei cavoli.

Per alcuni prodotti come mele, pere e kiwi, raccolti già da tempo – avverte però la Coldiretti – eventuali rincari sono ingiustificati.

Lascia il tuo commento
La pubblicazione dei commenti deve rispettare alcune Regole di buon costume e rispetto nei confronti degli altri
Clicca qui per maggiori dettagli
Commenta
  • Violano la legge sulla stampa
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Sono scritti in chiave denigratoria
  • Contengono offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede
  • Incitano alla violenza e alla commissione di reati
  • Contengono messaggi di razzismo o di ogni apologia dell’inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto ad altre
  • Contengono messaggi osceni o link a siti vietati ai minori
  • Includono materiale coperto da copyright e violano le leggi sul diritto d’autore
  • Contengono messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S. Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti web non inerenti agli argomenti trattati
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono.
Chiudi Non visualizzare di nuovo