Social

Bitonto - mercoledì 11 gennaio 2017 Attualità

Il dubbio

L'arroganza della "cultura" che esclude

Perché il lancio della Notte del Liceo Classico a Bitonto è esclusiva di un giornale cittadino?

Il liceo Carmine Sylos © BitontoLive.it
di Mariella Vitucci

Si terrà venerdì 13 gennaio la terza edizione della Notte del Liceo Classico a Bitonto. Ne dà notizia – in esclusiva cittadina – BitontoTv in un articolo pubblicato ieri.

Il solo programma della manifestazione si trova invece online sul sito "il Tacco di Bacco".

Un programma interessante che vedrà protagonisti nel glorioso liceo Sylos di Bitonto docenti, studenti, scrittori, attori e professionisti di formazione umanistica. L'evento punta a diffondere la bellezza e il valore della cultura e degli studi classici. Divulgare (dal latino divulgāre, composto di dis- "da diverse parti" e vulgāre "diffondere") presuppone tuttavia, com'è evidente, l'utilizzo del maggior numero di "media" possibili, cominciando dai siti d'informazione cittadini che sono tre, e non uno. 

Ammesso e non concesso un diritto di "prelazione" per la testata favorita da parte degli organizzatori dell'evento (non dichiarati ma noti), l'intento divulgativo della Notte del Liceo Classico avrebbe dovuto imporre, subito dopo la pubblicazione "preferenziale" su quella testata, l'invio di un comunicato agli altri organi di stampa locali. O il liceo Sylos è proprietà "esclusiva" di pochi autoproclamati depositari del sapere, che predicano la democrazia e praticano l'apartheid culturale e dell'informazione?

 

 

 


 

Lascia il tuo commento
La pubblicazione dei commenti deve rispettare alcune Regole di buon costume e rispetto nei confronti degli altri
Clicca qui per maggiori dettagli
Commenta
  • Violano la legge sulla stampa
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Sono scritti in chiave denigratoria
  • Contengono offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede
  • Incitano alla violenza e alla commissione di reati
  • Contengono messaggi di razzismo o di ogni apologia dell’inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto ad altre
  • Contengono messaggi osceni o link a siti vietati ai minori
  • Includono materiale coperto da copyright e violano le leggi sul diritto d’autore
  • Contengono messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S. Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti web non inerenti agli argomenti trattati
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono.
1 Commento
  • Mario Fanuele ha scritto il 12 gennaio 2017 alle 19:54 :
    Interessante l’articolo che mi stimola ad aggiungere che l’Amore per la Conoscenza (Amor Dei Intellectualis, si veda in tal senso Baruch Spinoza e poi Niccolò Cusano) non ha limiti, anzi la Conoscenza rappresenta un ponte tra l’ignoto con il noto. Infatti, il filosofo di origine tedesca basando il suo pensiero su Dio, ci fa comprendere indirettamente come la Ragione ed il Senso rimangano i gradi della "conoscenza" finita, che è tipica degli esseri umani.Infatti Spinoza ricalca il concetto, divulgando come l’emancipazione conoscitiva ed il progresso si sviluppano parallelamente ed individua in sostanza tre gradi della Conoscenza (1.percezione sensibile,2.Ragione,3. Amor Dei Intellectualis). Pertanto la Conoscenza è aperta a tutte le persone che vogliono intraprendere il suo interessante percorso. Il resto rimanga pure arroccato nelle vecchie ragnatele delle Torri di Avorio.
Chiudi Non visualizzare di nuovo