L'evento

'Il Diritto in Piazza', a Bitonto il primo festival del diritto nel Meridione

La rassegna, organizzata dal Centro Studi Sapere Aude, si terrà dal 29 settembre al 1 ottobre. Tema dell’edizione “Si fa presto a dire famiglia"

Attualità
Bitonto domenica 17 settembre 2017
di La Redazione
Particolare del manifesto di “Il Diritto in Piazza – Festival del Diritto”
Particolare del manifesto di “Il Diritto in Piazza – Festival del Diritto” © Pierfrancesco Uva

L’autunno bitontino si apre all’insegna del diritto con il festival targato Centro Studi Sapere Aude. Dal 29 settembre al 1 ottobre, l’associazione forense promuove Il Diritto in Piazza – Festival del Diritto. Nelle piazze e negli edifici storici ed artistici di Bitonto, magistrati, cultori della materia e importanti figure istituzionali si confronteranno su vari aspetti della realtà familiare.

La prima edizione della rassegna, ideata dagli avvocati Angela Bufano e Giovanni Brindicci, sarà infatti incentrata sul tema Si fa presto a dire famiglia, titolo del libro del giudice Melita Cavallo. La stessa autrice sarà ospite della prima serata della manifestazione.

Si parte venerdì 29 settembre alle 17 al Teatro Traetta. Dopo l’introduzione dell’avvocato Michele Coletti, presidente del Centro Studi Sapere Aude, interverranno per i saluti istituzionali il sindaco di Bitonto, Michele Abbaticchio, il sindaco della Città Metropolitana di Bari, Antonio Nunziante, vice presidente Regione Puglia Antonio Decaro, il professor Antonio Felice Uricchio, rettore dell’Università degli Studi di Bari; Antonio Giorgino, commissario straordinario del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Bari; Elbano De Nuccio, presidente dell’Ordine dei Commercialisti ed Esperti Contabili di Bari, e Antonio Di Gioia, presidente dell’Ordine degli Psicologi Bari.

Spazio poi al dibattito su Il diritto di famiglia dentro e fuori il processo, moderato da Enzo Magistà, direttore del TgNorba. Tra i relatori Melita Cavallo, che presenterà il suo libro “Si fa presto a dire famiglia”, la sociologa Fulvia D’Elia e l’avvocato Roberta Valente. Durante la discussione, previsti intermezzi musicali della chitarrista e cantante Marinella Napoli.

Alle 19 l’arte sarà ancora protagonista con la rappresentazione formativa di una caso negoziato di famiglia, con uso di tecniche teatrali. Sul palco del Traetta, gli avvocati Lucia Legati (voce fuori campo); Isabella De Robertis (nella parte della moglie), Giuseppe Castellana Soldano (nella parte del marito), Roberta Valente (difensore negoziatore di lei), Francesco Fiore (difensore non negoziatore di lui), Luciano Caracciolo (figlio minore) e Serena Baldassarre (figlia minore).

Alle 20.30 tappa in piazza Cattedrale dove è prevista la proiezione di “12 Short Term”, film sul senso della comunità familiare. A seguire, cineforum diretto da Giancarlo Visitilli, giornalista, scrittore e critico cinematografico.

La giornata del 30 settembre sarà invece dedicata alla “Filiazione, fecondazione assistita ed adozione”. Dalle 17 al Torrione Angioino si discuterà sull’argomento insieme alla dottoressa Mariantonietta Panzarino, medico chirurgo e ginecologa; a Riccardo Greco, presidente del Tribunale per i Minori di Bari e all’avvocato Antonio Gorglione, componente del consiglio direttivo nazionale di Ai.Bi. (Associazione Amici dei Bambini) e coordinatore Ai.Bi. per la Puglia. Il dibattito, moderato dall’avvocato Silvia Panzarino, membro del comitato scientifico Centro Studi Sapere Aude, sarà intervallato dalla musica di Marinella Napoli.

Nelle sale del Torrione saranno esposte anche le opere dell'artista e scenografo contemporaneo Paolo Fresu. La mostra, dal titolo Non era una famiglia a cura di Ursi Galleria Arte, sarà fruibile sino alle 23.

La serata proseguirà alle 19 in piazza Cavour, dove l’avvocato Luigi Liberti, presidente della Sezione Territoriale di Bari dell’Osservatorio Nazionale sul Diritto di Famiglia, modererà l’incontro Esperienze a confrontotra gruppi famiglia ed associazioni. Tra le realtà presenti ci sarà Eughenia di Michele Bulzis, l’Equipe Nostre Dame, rappresentata da Michele Castro e Pasqualina Cuoccio, e il Gruppo Famiglia Cristo Re Universale nelle persone di Valentino Losito e Rita Santoruvo. La stessa piazza alle 20.30 diventerà palco del concerto Dialoghiamoci del Gruppo Immagini.

Ricco il programma dell’ultima giornata del Festival. Si partirà alle 9.30 sulla Terrazza del Torrione Angioino dove si parlerà di Famiglia a colori: il futuro dell’Italia è interculturale. L’avvocato Teresa Moschetta modererà gli interventi dell’avvocato Rosanna Marzocca, presidente Commissione Famiglia dell'Unione degli Avvocati Europei, e della psicologa Sapia Santoruvo.

Sarà invece l’avvocato Emanuele Dimundo a moderare l’incontro Genitorialità ed Unioni Civili previsto per le 11.15 sempre sulla Terrazza. Con lui, Rosy Paparella, già garante dell'infanzia per la Regione Puglia, e Stefano Celentano, magistrato del Tribunale di Napoli.

Appuntamento poi al Teatro Traetta alle 18, quando l’avvocato Roberta De Siati rifletterà sul tema Conciliazione dei tempi di lavoro con le esigenze familiari, a cui seguiranno le conclusioni e i ringraziamenti dell’avvocato Michele Coletti. Gran finale alle 19.30 con il monologo Paolo e Francesca. Ipotesi semiseriadell’attrice Daniela Baldassarra.

Il festival, ideato e coordinato dagli avvocati Angela Bufano e Giovanni Brindicci, è organizzato dal Centro Studi Sapere Aude e patrocinato dal Comune di Bitonto, Parco delle Arti, Regione Puglia, Città Metropolitana di Bari, Università degli Studi di Bari, Ordine Avvocati di Bari, Ordine dei Commercialisti e degli Esperti Contabili di Bari, con la partecipazione dell’Ordine degli Psicologi di Bari. Media Partner Telenorba e Ora Legale.
Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette