L'inaugurazione

'BITalk', Michele Mirabella presenta i lavori di restauro della chiesa di San Gaetano

Ieri la prima giornata del festival dedicato all'arte e alla follia

Attualità
Bitonto sabato 11 novembre 2017
di La Redazione
Michele Mirabella intervistato da Mariagrazia Lamonaca
Michele Mirabella intervistato da Mariagrazia Lamonaca © Massimiliano Robles

È partito ieri “BITalk”, il festival dell’arte, alla sua prima edizione, voluto dall’amministrazione Abbaticchio e dedicato alla follia. Nell'ambito della manifestazione, è stata riaperta al pubblico dopo i lunghi lavori di restauro, durati oltre tredici anni, la secentesca chiesa di San Gaetano, scrigno di preziosi affreschi e dipinti. Per presentare i lavori di restauro e inaugurare la riapertura della chiesa è intervenuto il noto presentatore di origine bitontina Michele Mirabella.

Poco prima dell’inizio BitontoLive ha intervistato Mirabella, visibilmente preoccupato per la buona riuscita dell’evento perché, secondo lui, molta gente avrebbe disertato l’incontro, anche a causa della partita della nazionale italiana di calcio. Grande stupore, invece, ha suscitato la vista della chiesa stracolma di gente. Centinaia di persone hanno affollato la spaziosa navata della chiesa barocca, desiderose di poter nuovamente ammirare la sua bellezza e i suoi tesori, tra cui le tele dipinte di Carlo Rosa e il meraviglioso soffitto ligneo.

A causa di un'influenza, alla presentazione non ha potuto partecipare il vescovo, monsignor Francesco Cacucci che, insieme a Mirabella, avrebbe dovuto discutere sul tema della follia nella pittura, da Van Gogh a El Greco. Mirabella ha quindi dialogato insieme ai giovani ricercatori bitontini Antonio Sicolo e Liliana Tangorra.

«Con questo festival – ha sottolineato il sindaco Michele Abbaticchiovogliamo raccontare come l’arte abbia cambiato la vita degli artisti, ma anche la società e il mondo che ci circonda. Come tema per questa prima edizione abbiamo scelto la follia nelle sue varie declinazioni. Poco fa, infatti, abbiamo inaugurato la mostra “Follemente”, presso le Officine Culturali, che racconta le storie dell’ex manicomio di Volterra. E adesso ci troviamo qui per inaugurare la nostra chiesa di San Gaetano, dopo un restauro durato quattordici anni, con quattro richieste di finanziamento andate a buon fine per completare il restauro della chiesa».

Presente, per un breve intervento, anche la dottoressa Eugenia Vantaggiato, segretariato regionale del Mibact, che ha esposto i dettagli tecnici del restauro. La chiesa dunque sarà riaperta al pubblico e al culto ma, come ha specificato il parroco don Ciccio Acquafredda, non saranno celebrati funerali né matrimoni.

Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette