Dialogo continuo

Avviamento allo sport paralimpico, l'associazione Elos apre le porte alle scuole

Il primo raduno prenderà il via il giorno 19 febbraio con specialisti in attività motoria sportiva e adattata, un’équipe psico-pedagogica ed educatori sportivi

Attualità
Bitonto giovedì 15 febbraio 2018
di La Redazione
L'associazione Elos apre all'avviamento allo sport paralimpico
L'associazione Elos apre all'avviamento allo sport paralimpico © n.c.

L’associazione polisportiva disabili Elos nasce dalla passione e dall’esperienza di un gruppo di persone che, da anni, si impegna attivamente sul territorio bitontino per favorire l’integrazione tra persone normodotate e quelle con bisogni speciali, insistendo sul fondamentale valore formativo che riveste l’attività sportiva.

Nell’ambito delle proprie attività, la polisportiva Elos è stata riconosciuta dal Cip (Comitato italiano paralimpico) quale Casp (Centro di avviamento allo sport paralimpico).

L’obiettivo primario della polisportiva è quello di annullare il concetto di disabilità a livello socio-culturale. Scoprire il valore del proprio corpo, accettarne i limiti e lavorare sulle relative potenzialità che esso presenta, attraverso l’attività sportiva, si configurano come fondamentali processi di crescita, per l’individuo e la comunità intera.

Per assicurare tutto ciò, l’associazione si avvale della collaborazione e della partecipazione ai progetti delle numerose realtà sportive territoriali e di quelle attive in materia di disabilità, nonché di specialisti in attività motoria sportiva e adattata, di un’équipe psico-pedagogica e di educatori sportivi. In un contesto di coesione e unione, occorre che le associazioni procedano di pari passo con le realtà scolastiche e istituzionali: solo così sarà possibile fornire al cittadino e alla comunità gli strumenti per crescere, a tutto tondo. Il primo raduno prenderà il via il giorno 19 febbraio: la Elos intende ora aprire le porte e mettere a disposizione i suoi professionisti all'intera comunità scolastica bitontina e distrettuale.

In quest’ottica, dunque, le attività settimanali proposte dalla Elos nei vari laboratori (calcio, basket, sitting volley, atletica, bocce, calcio balilla, tennistavolo, badminton, trekking, vela e nuoto), rivolte agli studenti delle istituzioni scolastiche di I e II grado, mirano a evidenziare le capacità residue di ogni atleta, avendo cura delle esigenze personali e individuali di ognuno. Coinvolgendo disabili e normodotati in un percorso unico e non più diversificato, crescendo insieme e procedendo verso il sole, la Polisportiva disabili Elos vuole ottenere la realizzazione di una società per tutti e senza barriere, architettoniche e mentali, lavorando non soltanto sulla persona diversamente abile ma sulle condizioni contestuali che possano permettere la sua completa espressione.
Lascia il tuo commento
commenti