La nota

Mobilità sostenibile, la mozione del M5S: «Non più per una sola settimana»

Il gruppo politico d’opposizione ha invitato l’amministrazione a mettere in atto una serie di iniziative per ridurre gli impatti negativi causati dall’utilizzo eccessivo di autoveicoli

Politica
Bitonto venerdì 15 settembre 2017
di La Redazione
Mobilità sostenibile
Mobilità sostenibile © n.c.

«Uno dei punti cardine della politica del Movimento 5 Stelle e del nostro programma per Bitonto, è la mobilità sostenibile. Abbiamo più volte ripetuto come sia importante ridurre gli impatti negativi ambientali, sociali ed economici, causati dall’utilizzo di autoveicoli. Lo smog e l’inquinamento acustico hanno un costo sociale enorme che grava su tutti noi, senza considerare il fatto che la congestione stradale e l’incidentalità genera facilmente in episodi di rabbia metropolitana». Questa è la motivazione per la quale il gruppo politico d’opposizione, nei giorni scorsi, ha presentato all’amministrazione comunale una mozione con carattere d’urgenza, allo scopo di sollecitare il Comune ad aderire alla Settimana europea della mobilità 2017 dal 16 al 22 settembre, e ad attivarsi per l’implemento delle attività legate alla sostenibilità in città.

Pronta è arrivata la risposta dell’amministrazione, che ha iscritto Bitonto all’iniziativa, come risulta dal portale “European Mobility Week”..

«Riteniamo però – continua e conclude la nota a firma del M5S - che lo spirito di questa iniziativa non si limiti alla sola assemblea pubblica, che ha comunque lo scopo di informare la popolazione sulla reale possibilità di un modo di vivere la città differente e di dare più visibilità a queste tematiche. Abbiamo presentato una mozione che impegna il sindaco e la giunta ad almeno una nuova misura che contribuisca al trasferimento modale dall’auto privata a un mezzo di trasporto ecologico, riassegnando permanentemente dello spazio stradale a favore di pedoni, biciclette o mezzi di trasporto pubblico, e l’organizzazione di una “Giornata senza auto” in una o più aree della città. Ben vengano le iniziative di promozione sociale, ma a noi non bastano. A sensibilizzarsi non dovrebbero esserlo solo i cittadini».

Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette