Palazzo Sylos - Sersale

Chiese, strade e piazze storiche, monumenti, palazzi ed edifici storici, insediamenti rupestri.

a cura di Liliana Tangorra
vistaSez

Il Palazzo è frutto di un ampliamento realizzato nel ‘600 sul vecchio impianto romanico.

Nonostante sia contemporaneo ad altri edifici di stile rinascimentale, venne ristrutturato con motivi barocchi nel 1600 dalla famiglia Sylos Sersale, peraltro limitati ad alcuni elementi.

A Bitonto il Barocco si propugnò solo negli elementi decorativi, che nonostante lo stile rigoglioso rimasero sempre sobri ed equilibrati, grazie ai mastri locali. Nello stesso palazzo, infatti, ad una facciata ricca e piena di motivi ornamentali, fa riscontro un loggiato interno sobrio ed elegante. Lo spirito barocco è manifesto in modo particolare nelle esuberanti colonne del grande portale, il cui fusto presenta rocchi dalla forma inusuale dalle nostre parti, ma ricorrente nell’architettura napoletana: fusti cilindrici inanellati da sagome a “pignatta”. I capitelli sono di stile composito, arricchiti da mascheroni al centro delle volute. Le lesene del portale, su cui si addossano le colonne, e l’arco del portone sono costituiti da conci a “bozze”. Le due colonne su basi attiche sorreggono il balcone attraverso una trabeazione riccamente decorata. Il balcone presenta una transenna in pietra i cui eleganti balaustrini sono compresi tra tre pilastri, di cui due, gli estremi, riportano sculture di figure femminili, mentre quello centrale riproduce due semibalaustrini addossati ad un pilastrino con decorazione floreale in bassorilievo. Dietro la balaustra vi è la finestra con una ricca cornice di coronamento che fa da sfondo all’elegante stemma di famiglia scolpito sulla balaustrata: un’aquila con il motto SOLA SOLI SISTIT (Sola resiste al sole). Il portale nell’insieme fa pensare ad un arco di trionfo secondo schemi ricorrenti dell’architettura dell’epoca.

Altro elemento interessante è il vestibolo, con volta a botte lunettata, al cui centro è dipinto un grande stemma nobiliare.

L’elegante loggia che si affaccia sul piccolo cortile interno appare oggi manomessa da numerose strutture postume; la tipologia di tale loggia aperta, con la scala che si snoda attraverso i pianerottoli fa pensare a tante scale napoletane, ma è bene precisare che tale tipologia, resa possibile dalla mitezza del clima esiste prima della corrente artistica del Barocco, ma, come si può rilevare è tipica in questa zona tanto che alcune case ne conservano la struttura interna dal primo quattrocento. Di queste l’architettura bitontina ci offre esempi originali con soluzioni sceniche suggestive, come nei palazzi Vulpano e Alitti.

La città

La morfologia della città, le sue peculiarità, l’economia, la flora e la fauna.

Vai alla sezione

Volantini

Le migliori offerte in città e dintorni.

Vai alla sezione

Meteo

Consulta le previsioni meteo della tua città fino a 5 giorni grazie ai dati aggiornati del nostro bollettino metereologico.

Vai alla sezione

Strumenti di segnalazione

Hai una segnalazione da fare o una buona storia da condividere con la nostra redazione e con i nostri lettori? Segnalaci subito la tua notizia.

Vai alla sezione

Autocertificazione Online

Online moduli di Autocertificazione da compilare e stampare velocemente.

Vai alla sezione

Farmacie di turno a Bitonto

Visualizza i turni delle farmacie di turno.

Le farmacie di turno