La Monacècchie - La monaca

Poesie, racconti, canzoni popolari, filastrocche, motti, soprannomi.

a cura di

Da na strètta gelesòje la smeccìbbe na pecciuèdde,
jìnde àu còure me trasòje,
ce vedìve quand’èive bèdde!

Quànne la vèscke, l’acchiaménde,
i ‘acchiaménde fitte fitte,
jèdde me uàrde atténdaménde,
e jì ‘nge pàrleche a dénde strìtte:

tìue sì pròpete la lùna màje!,
ce sì bédde, ce sì chiéure!...
 machiù. bédde adàparàje
nnànde àu sànde parecchiéure.

Cùrre néuse apprefeléute,
d’òcchiere sò dò palemmédde...
chèrra chiàppe aggrazziéute...
chèrra vòcche de cerasédde!

Au suune de re do jaure vìine
 la sàire dàlla cangédde
àlla schiuse de la priàure,
 ji me ne vénghe che lacatarrédde.

Vinatìnne mùre mìure,
ca ce séndene re chembàgne
s’accarrèscene lòre pìure
 e perdòime la guadàgne.

Stàtte atténde, me raccomànde,
angòure te sénde la seperiàure,
 ca ce dòrmene tùtte quànde
 nìue petòime fa l’amàure!

Jèdde stétte cìtta cìtte
 a sendòje re cànde mòje,
spendì la lìune da sàupe àu tìtte,
assì u steddàune a fa la spòje.

Sckéume na ‘mbàme checchevéuce,
 sckàmene du grìdde ‘ndra de lòure,
‘ndùrne ‘ndùrne jè tòtta péuce,
n ‘abbrazzàme ccòre a ccòure!

Còre mòje, dàmme nu véuse,
 mò ca stàme tùtte e ddìue,
 e pò àlla vòcche de cerèuse
‘n ge ne dibbe mìlle e cchìue.

Sòrre àu àrche de la Pòrte du Càrme
 trè persìune stònne de pòste,
sénza làgne e sénza làrme
vinatinne àlla fésta nòste.

U cherrìbbuejfè prònde e léste,
 nìue a Béure ce n ‘amà sciòje,
 ddà t’aspétteche, cùrre alléste,
vìine vuànne àlla fésta nòste!

Da una stretta grata
la sbirciai una fanciulla,
nel mio cuore entrò,
se vedevi com’era bella!

Quando la vedo, la osservo,
la osservo con trasporto,
lei mi guarda attentamente,
ed io le parlo a denti stretti:

tu sei proprio la luna mia!,
quanto sei bella, come sei chiara,
ma più bella apparirai
davanti al santo parroco.

Quel nasino affilato,
gli occhi sono due palombelle...
quel mento così aggraziato...
quella bocca da ciliegina!

Quando suonano le due ore
vieni la sera dal cancello
di nascosto dalla priora,
io me ne vengo con la chitarra.

Vientene muro muro,
perchè se ti sentono le compagne
si accompagnano pure loro
e perdiamo il guadagno.

Fà attenzione, mi raccomando,
ché non ti senta la superiora,
così se dormono tutte quante
noi possiamo far l’amore!

Lei si stette zitta zitta
a sentire i canti miei,
spuntò la luna sui tetti,
uscì lo stellone a far la spia.

Strilla una civetta infame,
stridono due grilli fra di loro,
tutt’intorno è pace,
ci abbracciamo stretti stretti!

Cuore mio, dammi un bacio,
ora che stiamo noi due (da soli),
e poi, alla bocca di ciliegia
gliene diedi più di mille.

All’arco della Porta del Carmine
tre persone sono appostate,
senza lamenti e senza lacrime
vientene alla nostra festa.

I1 corriere è pronto e veloce,
noi dobbiamo a Bari andare,
là ti aspetto, corri presto,
vieni volando alla festa nostra!

La città

La morfologia della città, le sue peculiarità, l’economia, la flora e la fauna.

Vai alla sezione

Volantini

Le migliori offerte in città e dintorni.

Vai alla sezione

Meteo

Consulta le previsioni meteo della tua città fino a 5 giorni grazie ai dati aggiornati del nostro bollettino metereologico.

Vai alla sezione

Strumenti di segnalazione

Hai una segnalazione da fare o una buona storia da condividere con la nostra redazione e con i nostri lettori? Segnalaci subito la tua notizia.

Vai alla sezione

Autocertificazione Online

Online moduli di Autocertificazione da compilare e stampare velocemente.

Vai alla sezione

Farmacie di turno a Bitonto

Visualizza i turni delle farmacie di turno.

Le farmacie di turno