La Gaddine Cenerine - La gallina cenerina

Poesie, racconti, canzoni popolari, filastrocche, motti, soprannomi.

a cura di

Tu t’a fàtte u scarpétte,
 tàcche jìrte e pònda stréffe,
 nànde e drèite la febbiétte,
ndelicàte a camenà.

lu pòvere giovanòtte
lu fàcene fanatechì,
lu sckàme de lu gàlle
ca facève lu chicchiricchì.

a màmma, màmme,
ce delòre e ce ruìne,
m’hònne arrebbàte
e gaddìne cenerìne,
e gaddìne cenerìne,
e gaddìne paisàne,
ca me facève
quarànd’òve a la semmàne.

lu pòvere prevessòre
lu fàcene candà pe ffòrze,
lu focene scì d’appèite
nan ‘nge dònne la carròzze!

ce vite u scarpèure
ghimmerìdde jinde àu senèule,
se re mmànge a trè e a quàtte
la rnegghièire cròipe e sckàtte.

la pòvere vecchiarèlle
scève vennènne re granerìse,
pe l’amòre ca jère cecàte
‘nge facève nu bùne pìse

a màmma, màmme
…………………….

Tùmme, tùmme, tùmme,
ajìre sàire mangìbbe u scrùmme,
u mettìbbe mmènze àrre ppèune,
stamatòine me tèine fèume.

Tùmme, tùmme, tùmme,
la vecchiarèlle tenàive u sciùmme,
u tenàive nnànze e drèite
e la vòcchie menàive a pèite.

E màmme fàmme u làzze,
 sènza làzze nàn pòzze sta
madà accattà lu làzze
 còme u avìste tu.

E mòue ne sciàme in piàzze
e trevàme u làzze appìse,
va a pìgghìe re tèrrise
ca u avìme ad accattà.

E ci jè Iùnghe u làzze,
chiù lùnghe de mènza cànne,
mu àgghia mètte ngànne
pe fa la càpa novità.

Hai comprato la scarpetta,
tacco alto e punta stretta,
 avanti e dietro (v’è) la fibbietta,
per camminare delicatamente.

Il povero giovanotto la fanno esaltare,
(gli fanno fare) il canto del gallo,
gridando il chicchiricchì.

O mamma, o mamma,
che dolore e che rovina,
m’hanno rubato la gallina cenerina,
la gallina cenerina,
la gallina paesana,
che mi faceva quaranta uova la settimana.

Il povero professore
lo fanno cantare per forza,
lo fanno camminare
a piedi non gli danno la carrozza

Se osservi il calzolaio
ha gli involtini nel grembiule
se li mangia a tre o quattro (per volta)
la moglie (invece) crepa e schiatta
(di fame)

La povera vecchietta
vendeva il riso,
poichè non ci vedeva faceva buon peso.

O mamma, o mamma,
che dolore…………….
 
Tum, tum, tum
ieri sera mangiai lo sgombro,
 lo misi in mezzo al pane
Stamattina ho ancora fame,

Tum, tum, tum,
la vecchietta aveva la gobba,
la teneva dinnanzi e dietro
e la vecchia gettava le pietre.

E, mamma, comprami un laccetto,
senza laccetto non posso stare,
 mi deve comprare il laccetto
come lo avesti tu.

Ed ora ce ne andiamo in piazza
e troviamo il laccetto appeso,
va’ a prendere la moneta,
chè lo dobbiamo comperar.

E quanto è lungo il laccetto
più lungo di mezza canna
me lo devo appendere al collo per fare l’originale.

La città

La morfologia della città, le sue peculiarità, l’economia, la flora e la fauna.

Vai alla sezione

Volantini

Le migliori offerte in città e dintorni.

Vai alla sezione

Meteo

Consulta le previsioni meteo della tua città fino a 5 giorni grazie ai dati aggiornati del nostro bollettino metereologico.

Vai alla sezione

Strumenti di segnalazione

Hai una segnalazione da fare o una buona storia da condividere con la nostra redazione e con i nostri lettori? Segnalaci subito la tua notizia.

Vai alla sezione

Autocertificazione Online

Online moduli di Autocertificazione da compilare e stampare velocemente.

Vai alla sezione

Farmacie di turno a Bitonto

Visualizza i turni delle farmacie di turno.

Le farmacie di turno