Nel 1875 fu riconosciuta da Papa Pio IX

L’Arciconfraternita Immacolata Concezione festeggia i suoi 140 anni in udienza dal Papa

Mercoledì scorso, straordinaria partecipazione all'udienza generale in Vaticano

Attualità
Bitonto venerdì 07 agosto 2015
di La Redazione
Il professor Cannito con Papa Francesco
Il professor Cannito con Papa Francesco © n. c.

Il quotidiano L’Osservatore Romano, organo ufficiale della Santa Sede, ha riportato ieri la presenza di un gruppo di confratelli e consorelle della gloriosa Arciconfraternita Immacolata Concezione di Bitonto in occasione dell’udienza generale di mercoledì 5 agosto in Vaticano, per rievocare e festeggiare il 140° anniversario di riconoscimento dell’onorificenza di venerabile arciconfraternita, riconosciuta canonicamente da Papa Pio IX nel 1875.
Su istanza del professor Giuseppe Cannito, presidente dell’Arciconfraternita, con il beneplacito del padre spirituale don Ciccio Acquafredda e del vicario episcopale territoriale monsignor Alberto D’Urso della Curia Vescovile di Bitonto, il prefetto del Vaticano monsignor Georg Gänswein ha accolto con benevolenza la richiesta dell’Arciconfraternita Immacolata Concezione di partecipare all’udienza generale insieme ai rappresentanti di altre confraternite bitontine: Santa Maria del Suffragio, San Michele Arcangelo e Santissimo Cuore di Gesù.
Mercoledì 5 agosto, nell’aula Paolo VI in Vaticano, dopo i saluti di rito, il professor Cannito ha donato a Papa Francesco un pregevole volume mariano dedicato all’Immacolata Concezione. Il Santo Padre ha ringraziato affettuosamente del dono impartendo una speciale benedizione. Nella pubblicazione, patrocinata dall’Arcidiocesi di Bari-Bitonto, dall’assessorato alla cultura del Comune di Bitonto e dall'Arciconfraternita Immacolata Concezione, viene riportato con meticolosità il culto speciale che i bitontini praticano con devozione all’Immacolata Concezione, celeste patrona di Bitonto venerata sia nella Cattedrale che nella Basilica Pontificia dei Santissimi Medici in due ricorrenze annuali. Il culto mariano è molto radicato nella città di Bitonto, definita città mariana per eccellenza “civitas Butunti, civitas Mariae”.

La prima ricorrenza mariana coincide con l’8 dicembre, in occasione della solennità liturgica dell’Immacolata Concezione che si celebra nella Cattedrale con la messa pontificale presieduta da monsignor Francesco Cacucci, arcivescovo metropolita di Bari-Bitonto, alla presenza delle Confraternite, dei Cavalieri del Santo Sepolcro, dalle autorità civili e militari e di un’immensa assemblea di fedeli.

La seconda ricorrenza, in occasione delle Feste patronali, si celebra nel mese di maggio per rievocare il miracolo della Madonna che salvò la città di Bitonto dalla furia dell'esercito austriaco all’alba del 26 maggio 1734. La santa messa viene celebrata sul sagrato della Basilica dei Santissimi Medici presieduta da monsignor Alberto D’Urso, assistito dal nuovo rettore don Vito Piccinonna alla presenza di altri sacerdoti, dei membri del Comitato Feste Patronali, dei rappresentanti delle Confraternite e di una moltitudine di fedeli.
Nell’udienza papale i confratelli e le consorelle dell'Arciconfraternita Immacolata Concezione hanno vissuto un’esperienza ecclesiale straordinaria. Un fragoroso e prolungato applauso, inneggiando a Papa Francesco, ha rappresentato il culmine dell'udienza con cui è stato festeggiato il 140° anniversario dell'Arciconfraternita.

Lascia il tuo commento
commenti