Ambiente

Bitonto fa fronte comune contro deposito nucleare sulla Murgia

Forze politiche e associazioni cittadine hanno partecipato al tavolo di concertazione lanciato dal movimento VogliAMO Bitonto Pulita

Attualità
Bitonto mercoledì 13 gennaio 2021
di La Redazione
Carta dei siti potenzialmente idonei ad ospitare il deposito nucleare nazionale
Carta dei siti potenzialmente idonei ad ospitare il deposito nucleare nazionale © n.c.

“Un’ottima riuscita”. Così il movimento VogliAMO Bitonto Pulita commenta l’esito del tavolo di concertazione aperto alle diverse realtà sociali cittadine (associazioni e partiti), per condividere proposte e idee contro l’ipotesi di localizzazione di un deposito nazionale di rifiuti radioattivi sulla Murgia, in una zona confinante con il nostro territorio comunale.

L’incontro promosso da Vogliamo Bitonto Pulita, coordinato dalle associazioni ambientaliste Fare Verde e Mowgli e visualizzabile sulla pagina facebook LiberaMente, ha visto la partecipazione di quasi tutte le forze politiche bitontine, che hanno avuto così modo di evidenziare l’unanime contrarietà al progetto. 

Le molteplici ragioni, non di carattere campanilistico ma supportate da un adeguato approfondimento scientifico, hanno indotto i partecipanti ad assumere l’impegno di proseguire il dibattito pubblico su un piano più strettamente tecnico. 
“È questo il momento, per cittadini e istituzioni, di prendere coscienza dell’ immenso patrimonio ambientale a nostra disposizione”, commenta il movimento VBP, ringraziando tutti i soggetti che hanno aderito al tavolo per la disponibilità manifestata a condividere un percorso unitario, finalizzato a proteggere valorizzare il nostro territorio.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • MICHELE CORTESE ha scritto il 13 gennaio 2021 alle 10:39 :

    Ho seguito il dibattito , il problema e' che bisogna agire visto i tempi e allertare contro questo scempio a danno del SUD ITALIA che in questo caso apparteniamo allo stato italiano mentre altrove producono materiale radioattivo. Rispondi a MICHELE CORTESE