La protesta

#IoApro: parrucchieri, barbieri ed estetisti scendono in piazza XXVI Maggio

Questa mattina, dalle 9 alle 11, manifestazione degli operatori bitontini del settore bellezza e benessere, per chiedere la riapertura delle proprie attività

Attualità
Bitonto mercoledì 07 aprile 2021
di La Redazione
Parrucchiere e clienti con mascherina
Parrucchiere e clienti con mascherina © Pixabay

“Abbiamo il diritto di lavorare come gli altri”: sarà questo lo slogan che scandirà la manifestazione dei titolari di parrucchieri, centri estetici e barbieri, che questa mattina scenderanno in piazza XXVI Maggio, dalle 9 alle 11, per chiedere la riapertura delle proprie attività.

Una protesta molto sentita che unisce tutto il settore della bellezza e del benessere, penalizzato dall’obbligo di chiusura in zona rossa.

A causa delle difficoltà economiche in cui versano moltissime attività che hanno visto azzerate le proprie entrate a fronte di costi fissi da sostenere (affitto, utenze, tasse), procrastinare ancora la riapertura – protestano i titolari – rappresenterebbe una condanna a morte.

Eppure nei mesi scorsi il settore, a tutela di clienti e dipendenti, si è dovuto dotare di tutte le garanzie necessarie a riaprire saloni e centri nella massima sicurezza, rispettando le più rigorose norme e procedure igienico sanitarie anti contagio e lavorando su appuntamento per evitare assembramenti. Per questo risulta penalizzante il divieto di riapertura confermato in zona rossa, che discrimina la categoria e mette in ginocchio imprese già allo stremo.

E mentre saloni di acconciatura e centri estetici legali sono costretti a restare chiusi, dilaga l’abusivismo, che davvero espone al rischio di contagio per l’impossibilità di rispettare le norme di sicurezza e i protocolli anticovid in casa.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Centro estetico le farfalle a Ferrara ha scritto il 08 aprile 2021 alle 11:48 :

    D'accordissimo. Rispondi a Centro estetico le farfalle a Ferrara

  • vito toscano ha scritto il 07 aprile 2021 alle 08:47 :

    Hanno ragione perchè forse è l'unica attività che rispettano le regole anticovid senza affollamento e su prenotazione. Senza dimenticare che nel nostro comune la maggior parte dei barbieri e parrucchieri già avevano pianificato il loro lavoro previa prenotazione. Rispondi a vito toscano