Abbaticchio: “Vittoria di una città intera, di un movimento intero e di un’intera comunità”

Il Palazzo rende omaggio alle campionesse del futsal

Applausi, parole di orgoglio e scambio di regali, nella cerimonia istituzionale di ieri pomeriggio a Villa Sylos

Attualità
Bitonto mercoledì 05 maggio 2021
di Danilo Cappiello
L'omaggio di sindaco e assessore alla Polisportiva Bitonto Femmininile
L'omaggio di sindaco e assessore alla Polisportiva Bitonto Femmininile © BitontoLive.it

È stata una giornata di premiazioni istituzionali, quella di ieri, per la Polisportiva Bitonto Calcio a 5 Femminile. In una Villa Sylos addobbata di meravigliosa primavera, le ragazze e tutta la società neroverde sono state omaggiate dalle massime cariche politiche della città, con a capo il sindaco Michele Abbaticchio, per la doppia conquista del campionato prima e della Coppa Italia poi.

«Essere qui oggi – ha dichiarato il primo cittadino – vuol dire rendere omaggio a delle ragazze che, al di là della superiorità mostrata in campo, hanno portato lustro e vanto all’intera città di Bitonto. Grazie a loro, infatti, il nome della città e di conseguenza tutte le sue bellezze, saranno sotto l’occhio del resto del mondo. È stata la vittoria di una città intera, di un movimento intero e di un’intera comunità ed oggi, non posso che essere orgoglioso di voi. Avete regalato un po’ di felicità a tutti quanti in un momento di grande dolore. Un momento in cui abbiamo perso cari e persone conosciute nella maniera più atroce, a causa di un male invisibile ma devastante e di questo, non possiamo che ringraziarvi».

Sensazioni condivise pienamente dall’assessore allo sport Domenico Nacci: «In una giornata di festa e celebrazione come questa, per la vittoria delle ragazze, mi preme ricordare come sia stato lungimirante col senno di poi, credere nel movimento futsal già diversi anni fa con gli uomini, quando nessuno sapeva dell’esistenza di questa disciplina. I passi fatti in avanti negli anni sono stati giganteschi e molti, hanno lasciato impronte indelebili all’interno della tensostruttura “Paolo Borsellino”. Una casa per lo sport, in cui queste ragazze hanno scritto per sempre la storia, grazie alla tenacia, alla caparbietà ed all’incommensurabile passione del loro presidente Intini».

Il presidente Silvano Intini è stato ringraziato anche dalla giocatrice portoghese Josita Azevedo: «Per noi il presidente è stato un padre a tutti gli effetti. Non ci ha fatto mancare mai nulla, di qualsiasi cosa avessimo avuto bisogno. È sempre stato presente e ci ha trattato davvero come figlie. Con un presidente così non si poteva non vincere. Siamo state brave a farlo in campionato, ed ancor più brave in Coppa, giocando tre gare in tre giorni, e di questo dobbiamo ringraziare tutti gli addetti ai lavori che ci hanno permesso di esprimerci sempre al massimo delle nostre potenzialità. Ringraziamo tutti, ma soprattutto la città di Bitonto per averci accolto e fatte sentire a casa dal primo momento, ce la porteremo sempre nel cuore».

Quel cuore, accarezzato di bellezza e malinconia nel ricordo comune e commosso del “gigante buono” Ciccio Marrone, scomparso poco meno di un mese fa a soli 29 anni a causa del Covid.

In memoria di Ciccio è stata donata una targa commemorativa da parte dell’assessore Nacci alla sorella Grazia. Il ricordo in parole, invece, è stato affidato ad uno dei migliori amici di canto e di vita di Ciccio, Nino Schettini.

Al termine della cerimonia, le ragazze sono state tributate di una targa celebrativa dal sindaco Abbaticchio, a sua volta omaggiato, insieme all’assessore Nacci, delle maglie da gara della Polisportiva, autografate da tutte quante le ragazze autrici della doppia vittoria sportiva di questa stagione.

Una stagione di quelle che resteranno per sempre scolpite nella memoria e nel cuore, e che, anche solo per un minuto o una vita intera, ci hanno fatto sentire fieri di essere bitontini.

 

 

 

Lascia il tuo commento
commenti