Destinati ad aziende, organizzazioni di produttori, associazioni e Gal

Lotta alla xylella, dalla Città metropolitana opuscoli ai Comuni

Quasi 15mila i fascicoli informativi, realizzati dall’Università di Bari, distribuiti gratuitamente

Attualità
Bitonto venerdì 07 maggio 2021
di La Redazione
Sputacchina, insetto vettore della xylella
Sputacchina, insetto vettore della xylella © n.c.

Quasi 15mila opuscoli informativi a disposizione dei 41 Comuni dell’area metropolitana per continuare a tenere alta l’attenzione sui rischi della xylella fastidiosa, che sta causando la distruzione del patrimonio olivicolo pugliese e provocando ingenti danni paesaggistici, sociali ed economici. Il batterio killer degli ulivi, in pochi anni, dal Salento ha raggiunto la Terra di Bari.

La Città metropolitana di Bari, in linea con il Piano d'azione di contrasto alla xylella fastidiosa per l'anno 2021, pubblicato dalla Regione Puglia nel Burp n. 55 del 20.04.2021, ha patrocinato l’iniziativa promossa dal Dipartimento di Scienze del suolo, della pianta e degli alimenti dell'Università degli studi di Bari e finanziata dalla Regione Puglia con il progetto "RedOXy" che ha visto la realizzazione di due opuscoli informativi e locandine dedicate al tema del controllo dell'insetto vettore agente della diffusione del patogeno.

Gli opuscoli, che la Città metropolitana sta distribuendo gratuitamente ai 41 Comuni, oltre che alle amministrazioni locali sono destinati ad aziende, organizzazioni di produttori, associazioni e Gruppi di azione locale.

Uno strumento utile e di facile consultazione per continuare ad informare la comunità sulle misure di prevenzione e contenimento dell’epidemia che affligge da anni il territorio pugliese.

“Abbiamo prontamente accolto l’iniziativa del Dipartimento di Scienze del suolo, della pianta e degli alimenti dell’Università di Bari, nella consapevolezza che la xylella fastidiosa resta un problema ancora non risolto per gli agricoltori pugliesi e che, in questi anni, si è insediato in maniera sempre più diffusa su tutto il territorio”, afferma il consigliere metropolitano delegato alla attività produttive, Antonio Stragapede.

“Pensare di eliminarlo del tutto è impossibile, però possiamo continuare adinformare e a mettere in guardia le nostre comunità sulle misure di prevenzione e diffusione del fenomeno”, conclude.

 

 

 

 

Lascia il tuo commento
commenti