La nota

Guglielmi: “Prezzo unico per l’olio evo, a prescindere dal grado di acidità”

Il presidente dell’associazione nazionale Frantoiani Italiani Olio di Qualità lancia l'allarme su un'anomalia che favorirebbe le pratiche di contraffazione

Attualità
Bitonto lunedì 17 maggio 2021
di La Redazione
Olio evo
Olio evo © n.c.

“Chiediamo un prezzo unico per l’olio extravergine di oliva, a prescindere dal grado di acidità. Siamo convinti che questa anomalia può finire per avvantaggiare interessi legati alle pratiche della contraffazione che sta uccidendo il vero Made in Italy, quello che si ricava da olive tracciate italiane”. Riccardo Guglielmi, presidente dell’associazione nazionale Frantoiani Italiani Olio di Qualità (FIOQ) e coordinatore del Dipartimento Frantoiani di Agrocepi, interviene sulla “questione” del prezzo fissato e diramato dalla Commissione Olio della Borsa Merci delle diverse piazze all’origine.

“Da tempo, come frantoiano e come rappresentante dei frantoiani, chiedo l’istituzione della Commissione Unica Nazionale (CUN) sull’olio. È una priorità – spiega Guglielmi – per rivedere l’impalcatura dell’intero sistema volto a quotare la materia trasformata. Un sistema che presenta anomalie che provocano disfunzioni e circoli viziosi, che potrebbero finire per agevolare pratiche non lecite”.

Una di queste anomalie riguarda proprio il doppio prezzo per olio extravergine di oliva con due range di acidità: attualmente il listino quota l’extravergine con acidità massima allo 0,8% da un minimo di 4,10 euro ad un massimo di 4,30 euro; l’extravergine con acidità massima allo 0,4% viene quotato invece tra 4,70 e 4,90 euro.

“Ma se la dicitura di olio extravergine è normata per legge e ancorata a determinati indici, perché nasce la necessità di creare due distinte quotazioni? Il mio dubbio è che questo secondo prezzo, più basso, finisca per agevolare pratiche illegali volte a trasformare magicamente olio non italiano in italiano. Su questo aspetto, così come sull’urgenza di istituire la CUN, continueremo a pressare le istituzioni e gli organi preposti”, conclude Guglielmi.

Lascia il tuo commento
commenti