Musica live e degustazioni disseminate in tre zone pedonalizzate della città e in piazza Roma a Mariotto

Tornano le Not(t)i di Musica nel Parco delle Arti

Avviso pubblico per reclutare musicisti e progetti musicali. Scadenza il 20 giugno

Attualità
Bitonto martedì 08 giugno 2021
di La Redazione
Not(t)e di Musica 2014
Not(t)e di Musica 2014 © BitontoLive.it

Il Comune di Bitonto lancia la ricerca di musicisti e progetti musicali per creare una short list da utilizzare per il programma artistico musicale di “Parco delle Arti Bitonto in Not(t)e di Musica speciale estate 2021”.

L’iniziativa nasce dall’incontro di due progetti comunali: Parco delle Arti (rete dei principali beni culturali della città per la valorizzazione e promozione del centro antico), e Bitonto Not(t)e di Musica (format di rivitalizzazione della città con musica dal vivo e degustazioni disseminate in varie zone pedonalizzate).

Questo nuovo format è pensato e strutturato come un multi evento di musica dal vivo: il Comune allestirà, curando a proprie spese tutti gli aspetti logistici, quattro “palchi naturali” in altrettanti spazi della città (piazza Cavour, piazza Cattedrale e largo Teatro a Bitonto, piazza Roma a Mariotto), garantendo la loro pedonalizzazione con la chiusura al traffico delle strade circostanti (nel centro antico saranno chiuse le strade comprese nella zona a traffico limitato). Nelle piazze i locali pubblici potranno allestire spazi esterni per somministrare cibi e bevande, nel rispetto delle vigenti norme anti Covid. L’obiettivo è attivare un circuito virtuoso in grado di favorire la sosta enogastronomica con ascolto di musica, eseguita dal vivo e in contemporanea in tutti i luoghi individuati.

Gli eventi si svolgeranno il giovedì e la domenica, a partire dalle 21, nelle piazze del centro urbano, e il sabato sera a Mariotto. Si partirà il 24 giugno e si andrà avanti tutte le settimane sino al 19 agosto con un’appendice dal 16 settembre al 3 ottobre.

 

L’avviso pubblico

La ricerca si rivolge a enti, società, professionisti con partita Iva e associazioni in possesso di un’esperienza di eventi musicali almeno triennale e dei requisiti di carattere generale per la partecipazione a procedure d’appalto con la pubblica amministrazione.

È possibile presentare fino ad un massimo di quattro proposte musicali, che dovranno essere rigorosamente dal vivo e in set acustico. Le formazioni musicali potranno comprendere sino ad un massimo di 5 componenti.

Ai soggetti ammessi il Comune riconoscerà un compenso lordo ad personam di 50 euro per i musicisti non professionisti e di 180 euro per i musicisti professionisti, iscritti alla ex gestione Enpals e tenuti al rilascio della relativa agibilità.

La scadenza dell’avviso pubblico, approvato ieri mattina dalla Giunta comunale, è fissata al 20 giugno, termine entro il quale i soggetti interessati potranno inviare la domanda redatta secondo il formulario predisposto dal Comune e firmata dal legale rappresentante.

 

“Con questa nuova iniziativa – spiega l’assessore al marketing territoriale Rino Mangini – riprendiamo e rilanciamo, fiduciosi in una ristabilita e duratura normalità, il rapporto collaborativo tra pubblico e privato, che è alla base dei positivi risultati conseguiti in questi anni dagli eventi di riappropriazione degli spazi pubblici, parte centrale della complessiva politica di valorizzazione e promozione culturale e turistica della città”.

“È per noi motivo di sincera soddisfazione – aggiunge Mangini – constatare che il percorso intrapreso con la previsione di specifici compensi ad personam per i musicisti convolti va nella direzione di un giusto riconoscimento dell’opera intellettuale contro ogni forma di sfruttamento, legittimamente rivendicato ancora in questi giorni da sindacati e rappresentanti di categoria”.

 

 

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Michele pugliese ha scritto il 08 giugno 2021 alle 06:34 :

    Abbaticchio e mangini, in quasi 10 anni di amministrazione vi siete occupati solo di arte e musica a bitonto, ma mai dei reali problemi di questa città! Pochi mesi alla fine della distruzione di bitonto e alla sua rinascita! Rispondi a Michele pugliese