L’allarme della Coldiretti

No al bollino rosso ingannevole sui prodotti Made in Italy

Nel mondo si stanno diffondendo sistemi allarmistici che danneggiano le produzioni alimentari nostrane, a partire dall’olio extravergine di oliva

Attualità
Bitonto giovedì 29 luglio 2021
di La Redazione
Bollino rosso ingannevole sui prodotti Made in Italy
Bollino rosso ingannevole sui prodotti Made in Italy © Coldiretti

Con la pandemia è cambiato il rapporto con il cibo: l’alimentazione è diventata una delle vie per cercare di mantenere la salute, come dimostra il boom della domanda di olio extravergine nel 2020, che ha spinto la crescita annuale degli acquisti del 12%.

Di contro, si vanno diffondendo bollini allarmistici a danno dei prodotti della dieta mediterranea, a partire proprio dall’olio extravergine di oliva che, dall’Europa al Sudamerica fino all’Oceania, rischiano di essere ingiustamente diffamati da sistemi di etichettatura ingannevoli che, sotto il pressing delle multinazionali, sostengono modelli alimentari sbagliati che mettono in pericolo la salute dei cittadini ma anche il sistema produttivo di qualità del Made in Italy, a partire dai piccoli agricoltori.

Il secco no a questi bollini ingannevoli è stato ribadito dal presidente nazionale della Coldiretti, Ettore Prandini, in occasione della visita nella sede della più grande organizzazione agricola d’Italia e d’Europa, a Palazzo Rospigliosi a Roma, di oltre 300 delegati e ospiti del pre vertice ONU provenienti da tutto il mondo, rappresentanti del Governo e della filiera agroalimentare nazionale, con, tra gli altri, il vicesegretario delle Nazioni Unite Amina J. Mohammed, il commissario europeo per l'Agricoltura Janusz Wojciechowski, il ministro italiano degli Esteri Luigi Di Maio, il presidente dell’Ice Carlo Ferro, il consigliere delegato di Filiera Italia Luigi Scordamaglia, il direttore generale della FAO Qu Dongyu e il vicedirettore Maurizio Martina, il presidente dell’Ifad Gilbert F. Houngbo.

“Diffondere la cultura dell’olio extravergine di oliva fra i consumatori e supportare la crescita continua della filiera dell’olio è il nostro obiettivo, perché i consumatori sono affamati di informazioni e conoscenza sul mondo dell’olio evo, con il nutriscore e le etichette a semaforo che finiscono per escludere paradossalmente dalla dieta alimenti sani e naturali che da secoli sono presenti sulle tavole, per favorire invece prodotti artificiali di cui in alcuni casi non è nota neanche la ricetta. Si rischia di promuovere cibi spazzatura con edulcoranti al posto dello zucchero e di sfavorire elisir di lunga vita come l’olio extravergine di oliva, considerato il simbolo della dieta mediterranea”, sostiene Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia.

I bollini allarmistici, basandosi sulla presenza di determinate sostanze calcolate su 100 grammi di prodotto e non sulle effettive quantità utilizzate, favoriscono i prodotti artificiali, con un grave danno per il sistema agroalimentare italiano proprio in un momento in cui potrebbe essere l’elemento di traino di un piano strategico di internazionalizzazione per far crescere la presenza del Made in Italy sui mercati stranieri.

Per l’iniziativa “Cibo dei popoli, la filiera agroalimentare italiana incontra il mondo”, è stata allestita dalla Coldiretti una grande mostra sui primati della dieta mediterranea e dell’agricoltura italiana, con il supporto dell’Agenzia Italiana Commercio Estero e di Filiera Italia, per far vivere ai rappresentanti delle Nazioni Unite l’esperienza di un viaggio nella grande bellezza della campagne, fatta di biodiversità, distintività, tradizione, comunità, ricerca, tecnologie innovative, relazioni, dialogo tra i popoli. Una mobilitazione in vista del prossimo incontro di settembre del comitato “Etichettatura alimentare” del Codex Alimentarius (organismo della FAO) che riporterà sul tavolo l’adozione di linee guida sul Front of Pack Nutritional Labelling (FOP) spinta dalle grandi multinazionali sostenitrici dell’etichetta nutrizionale, sulla quale dovrà presentare una proposta entro il 2022 anche la Commissione europea.

Un esempio è il nutriscore nato in Francia e adottato con decreto governativo anche da Belgio e Germania, mentre il Lussemburgo è in procinto di adeguarsi e l’Olanda potrebbe farlo dal 2022. In Portogallo, Austria e Slovenia il nutriscore è stato invece adottato da grandi multinazionali alimentari, mentre in Spagna, Paese mediterraneo come l’Italia, è oggetto di un acceso dibattito.

Lo stesso problema presenta in Gran Bretagna il sistema del “traffic light”, che misura con i tre colori tipici del semaforo (verde, giallo e rosso) il quantitativo di nutrienti principali contenuti negli alimenti: grassi (di cui saturi), zuccheri e sale. Un modello che potrebbe essere adottato anche in India, mentre in Sudamerica rischia di fare scuola il bollino nero cileno che sconsiglia di fatto l’acquisto di prodotti come il parmigiano, il gorgonzola, il prosciutto e, addirittura, gli gnocchi, e a cui potrebbero guardare il Brasile e il Perù. L’Australia si potrebbe dotare presto di un sistema a stelle (Health star rating) che, come il nutriscore, si basa sulla presenza di determinate sostanze in 100 grammi di prodotto.

L’iniziativa della Coldiretti, in occasione del pre summit sul food system dell’ONU, ha fatto conoscere il sistema agroalimentare italiano e il ruolo degli agricoltori nel preservare un ecosistema integrato per una crescita sostenibile, che ha portato l'Italia ad essere leader mondiale nella tutela della biodiversità, nella sicurezza alimentare e nelle produzioni di qualità. Questo patrimonio è alla base del record storico fatto registrare dall’export agroalimentare Made in Italy, con un balzo dell’8,9% nel 2021 dopo essere stato l’unico settore in crescita anche nell’anno precedente con un valore di 46,1 miliardi, trainato dai prodotti della dieta mediterranea (analisi Coldiretti su dati Istat relativi al commercio estero nel primo quadrimestre dell’anno).

Una ricchezza del Paese che viene ora messa a rischio dal diffondersi in tutto il mondo di sistemi d’informazione fuorvianti, discriminatori ed incompleti, che ingannano i consumatori inducendoli di fatto a preferire prodotti di minore qualità ed escludendo dalle loro tavola prodotti come l’olio extravergine d’oliva, simbolo della dieta mediterranea, non a caso iscritta nella lista del patrimonio culturale immateriale dell’umanità Unesco ed eletta migliore dieta al mondo del 2020, davanti alla dash e alla flexariana, sulla base del best diets ranking elaborato dal media statunitense US News & World’s Report’s. Modelli spinti dalle multinazionali che – denuncia Coldiretti – cercano di influenzare i consumatori anziché informarli, con l’obiettivo di sostituire sulle tavole cibi naturali presenti da centinaia di anni nella dieta con prodotti fatti con ingredienti di sintesi e a basso costo spacciandoli per più salutari, dalla carne fino alle bevande. Un danno incalcolabile per la salute dei cittadini e per la ricchezza, la varietà, l’unicità del modello agricolo e alimentare italiano.

 

 

Lascia il tuo commento
commenti