i due turni devono essere organizzati a distanza di 100 minuti: il 75% degli studenti comincerà le lezioni alle 8 e il restante 25% alle 9.40

Rebus doppi turni, nel Barese scuole superiori nel caos

Dirigenti scolastici costretti a rivedere orari di ingresso e uscita e a riorganizzare le classi. Intanto 7mila dipendenti scolastici risultano ancora non vaccinati

Attualità
Bitonto lunedì 13 settembre 2021
di La Redazione
Trasporto scolastico
Trasporto scolastico © Getty Images

La scuola è finita l’11 giugno, ma in tre mesi non è stato organizzato un piano per l’avvio del nuovo anno scolastico, il terzo dell’epoca Covid, che sta per cominciare fra mille incognite. Non c’è stato il necessario coordinamento tra Assessorati alla scuola e ai trasporti della Regione Puglia Ufficio scolastico regionale e società di trasporto pubblico locale. Ora si fa tutto in affanno, scaricando gran parte del peso dell’organizzazione sui dirigenti degli istituti scolastici.

E infatti le scuole superiori di Bari e provincia sono nel caos: a pochi giorni dalla prima campanella sono costrette a rivedere tutta l’organizzazione interna delle classi, in seguito alla disposizione del prefetto di Bari che ha imposto fino al 31 dicembre il doppio turno d’ingresso e di uscita per gli studenti. In particolare, i due turni devono essere organizzati a distanza di 100 minuti: il 75% degli studenti comincerà le lezioni alle 8 e il restante 25% alle 9.40. Una decisione che riguarda 68.218 studenti che frequentano 67 scuole superiori di Bari e provincia, su complessivi 130 plessi. Un vero rebus, considerato che alcuni trasporti pubblici (come le Ferrovie del Nord Barese) servono sia la provincia di Bari che la BAT, ma in quest’ultima non sono stati previsti i doppi turni.

Intanto, in Puglia risultano ancora 7.024 dipendenti scolastici non vaccinati contro il coronavirus, come emerge dall'ultimo report settimanale della struttura commissariale per l'emergenza Covid-19. Circa il 6,39% del personale non ha ricevuto nemmeno una dose, ma c’è di più: sono ancora in corso le verifiche da parte della Regione Puglia perché il numero di dipendenti non immunizzati, e quindi senza green pass, potrebbe superare questa stima.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Marco ha scritto il 13 settembre 2021 alle 12:31 :

    Non sanno che fare e si inventano trovate-caos come quella degli ingressi distanziati. E poi danno la colpa ai non vaccinati. Come scaricabarile è perfetto. Rispondi a Marco

  • Maria P. ha scritto il 13 settembre 2021 alle 07:36 :

    Stanno semplicemente scaricando sui presidi l'incapacità a gestire il problema. E poi sulla scuola tutta l'eventuale picco autunnale dei contagi. Rispondi a Maria P.