Sostenibilità

Il Tripode del bitontino Giuseppe Fallacara ai Dialoghi di Trani

Il professore del Politecnico di Bari ha concepito un padiglione temporaneo, dimostrazione delle nuove tecnologie di progettazione e realizzazione dell’artigianato 4.0

Attualità
Bitonto mercoledì 15 settembre 2021
di La Redazione
Il Tripode
Il Tripode © Poliba

Il tema della sostenibilità, a partire dagli obiettivi individuati dall’Agenda 2030, contraddistinguerà la XX edizione de “I Dialoghi di Trani” (da oggi al 20 settembre). Alla rassegna, che metterà a confronto scrittori, filosofi, giornalisti, scienziati, artisti su un tema di pressante attualità quale la sostenibilità ambientale, sarà presente anche il Politecnico di Bari, che, in collaborazione con l'Ordine degli Architetti e PPC della Provincia BAT, proporranno un programma di incontri e non solo, nelle giornate 16-17-18 settembre. Lo sviluppo sostenibile, che deve diventare prospettiva condivisa, è un tema caro e portante delle azioni messe in atto dal Poliba attraverso studi e ricerche a favore del territorio.

 

Per “I Dialoghi di Trani” il Politecnico e l'Ordine degli Architetti della BAT hanno organizzato per giovedì 16 settembre (dalle 9 alle 12), una tavola rotonda sul tema “Architettura e Artigianato 4.0” con la partecipazione dei docenti Poliba. Tra loro due bitontini, i professori Giuseppe Fallacara e Nicola Parisi, insieme alla collega Annalisa Di Roma, con i contributi degli architetti Maurizio Barberio del Poliba e Marina Dimatteo dell'Ordine provinciale degli architetti della BAT.

Teatro d’incontro sarà il sagrato della Cattedrale di Trani e lo spazio dell’intera piazza allestito con apposito palco e infopoint/vendita libri, entrambi progettati dal Politecnico e dalla Commissione Cultura e Pari opportunità dell’Ordine degli Architetti e PPC della Provincia BAT.

Nello spazio pubblico, legato al tema della tavola rotonda, sarà composto il “Tripode”, padiglione temporaneo progettato dal professor Giuseppe Fallacara, ordinario di Progettazione architettonica al Politecnico di Bari, su invito della Commissione Cultura e Pari opportunità dell’Ordine degli Architetti e PPC della Provincia BAT, in occasione del festival. Il Tripode è una struttura modulare, completamente in legno, facile da assemblare, dimostratore esplicito delle nuove tecnologie di progettazione e realizzazione dell’artigianato 4.0. Il nome dell’opera vuole enfatizzare i trinomi alla base dell’architettura: utilitas, firmitas e venustas; idea, progetto e costruzione; teoria, prassi e memoria; ma rappresenta anche le tre città co-capoluogo di Provincia Barletta, Andria, Trani verso le quali sarà rivolto.

 

Nel pomeriggio (dalle 15 alle 17), invece, presso la sede dell’Ordine degli Architetti PPC, alla presenza del Rettore del Politecnico di Bari, Francesco Cupertino e del Presidente dell'Ordine degli Architetti della BAT, Paolo D’Addato, seguirà la lecture “Verso nuovi sistemi costruttivi digitali per un uso efficiente e sostenibile delle risorse”, a cura di Niccolò Dambrosio dell’Università di Stoccarda - ICD Institute for Computational Design.

 

Venerdì 17 settembre alle 17, nella sede dell’Ordine di Palazzo Covelli, la Prorettrice del Politecnico di Bari, Loredana Ficarelli, Giuseppe Rociola funzionario del MIC e Francesca Onesti, presidente commissione cultura Ordine Architetti PPC della provincia BAT, dialogheranno sul tema “La campagna e le architetture rurali possono essere una risposta alla crisi  del vivere e dell’abitare provocata dalla pandemia?” Nell'occasione, sarà proiettato il documentario “Rapsodia Pugliese, L’importanza di una Torre” (Italia 2015, 42'46'') di Gianfranco Dusmet, prodotto da Politecnico di Bari.

 

Sabato 18 settembre alle 17, a Palazzo Covelli, alla presenza del presidente dell’Ordine Architetti PPC della provincia BAT Paolo D'Addato, Ubaldo Occhinegro assessore del Comune di Taranto, Francesco Rotondo già dirigente tecnico comunale con Azzurra Pelle, presentano il progetto di DPP, il Documento Programmatico Preliminare denominato “Ecosistema Taranto”, l’innovativo piano per la città di Taranto, capace di indurre una evoluzione nello schema consolidato delle professioni e delle imprese locali.

 

I Dialoghi di Trani, XX edizione, sono organizzati da "La Maria del Porto", associazione culturale di promozione sociale, e dall’Assessorato alle Culture della Città di Trani.

 

Lascia il tuo commento
commenti