Pums

Si parla di mobilità sostenibile con 'Attraverso la città'

Si è tenuto ieri l'incontro pubblico organizzato da amministrazione comunale e Comitato di quartiere 'Res Publica', con lo scopo di coinvolgere i cittadini

Attualità
Bitonto sabato 30 giugno 2018
di Tommaso Cataldi
'Attraverso la città', evento di mobilità sostenibile
'Attraverso la città', evento di mobilità sostenibile © n.c.

Era già stato mostrato nell’ultimo consiglio comunale il video contenente i vari step del Piano urbanistico della mobilità sostenibile (Pums), con la successiva approvazione del piano intermedio.

Il piano intermedio è stato illustrato anche alla cittadinanza ieri nell’evento pubblico di prossimità, denominato “Attraverso la città”, organizzato in piazza Padre Pio con la collaborazione del Comitato di quartiere “Res Publica” e alla presenza dell’assessore Rosa Calò e dei consiglieri comunali Francesco Brandi e Antonella Vaccaro.

«Il piano pone al centro una mobilità senza stress – afferma Brandi – che fa a meno della automobili, in favore delle biciclette. Il primo punto da tenere a mente è la non proliferazione della auto, aprendo così una nuova fase atta a migliorare la pianificazione».

Seguendo le varie carte redatte dallo studio effettuato da tecnici, si è appreso come l’attuale piano di mobilità sostenibile fosse esteso al solo centro antico con la ztl e due residui di piste ciclabili interrotte e non percorribili. Il primo step (idealmente da qui a tre anni) prevederà l’introduzione di piste ciclabili, un aumento dei varchi della ztl con annesse telecamere, la riqualificazione di piazza Caduti del Terrorismo, un intervento tra via Solferino e via Castelfidardo, rendendo le arterie ad un unico senso di marcia con una ridefinizione della sede stradale, zone a sosta regolamentata nel centro storico con differenti costi di parcheggio a seconda della zona, alcune inversioni di marcia in altre strade cittadine e l’attivazione a pieno regime del park&ride.

Il secondo step (da qui a cinque anni) invece contribuirà, oltre a portare a termine il primo step, anche alla realizzazione di ulteriori piste ciclabili, tra cui quella di collegamento tra le due stazioni ferroviarie e tre zone di parcheggio pianificate nei pressi del campo Rossiello e della piscina comunale.

L’ultimo step – il terzo – (di previsione decennale) portera alla costituzione, infine, di altre zone di parcheggio inizialmente a raso, e successivamente multipiano (in piazza Marena e piazza XXVI maggio) e una sorta di “ponte-tubo” che scavalchi la lama, collegando via Modugno a via Berlinguer, al fine di favorire il collegamento con la zona est della città.

Notevole importanza infine è stata riservata al tema della mobilità elettrica, con 7 colonnine di ricarica per veicoli elettrici che, dopo la recente approvazione del protocollo d’intesa tra Enel e amministrazione comunale, verranno installate in città, tre nel raggio centrale e le restanti quattro su altre grandi arterie.

«È stato un incontro interessante – ha affermato a fine serata Annarita Priolo, presidente del Comitato di quartiere ‘Res Publica – che non a caso è stato fatto in una piazza, in un luogo aperto: proprio per far ascoltare e far parlare direttamente i cittadini con le loro proposte, critiche ed interventi».

Lascia il tuo commento
commenti