"Bitonto oltre i confini, scienza, ricerca e innovazione”

Accademia Vitale Giordano, è lo scienziato Francesco Stellacci il “Cittadino di Bitonto nel mondo″

La cerimonia di premiazione si terrà oggi presso il Teatro Traetta

Attualità
Bitonto martedì 09 ottobre 2018
di La Redazione
La locandina dell'evento dell'Accademia Vitale Giordano
La locandina dell'evento dell'Accademia Vitale Giordano © n.c.

Sono tanti i figli della città dell’olivo che vivono fuori dall’Italia e si sono distinti per meriti scientifici, acclarati sul piano internazionale. L’Accademia Vitale Giordano vuole rendere loro omaggio con il premio “Cittadino di Bitonto nel mondo”.

Il riconoscimento, istituito l’anno scorso dall’associazione culturale e condiviso dal Comune di Bitonto, quest’anno sarà consegnato al professor Francesco Stellacci.

Il professore ordinario del Politecnico Federale di Losanna (Svizzera), dove è anche responsabile scientifico del Supramolecular Nano-Materials and Interfaces Laboratory, si racconterà al pubblico del Teatro Traetta questo pomeriggio alle 18.30.

Dialogando con il direttore del “da BITONTO”, Mario Sicolo, Stellacci ricorderà il percorso di studi e ricerche che lo hanno portato ad essere uno degli specialisti più importanti al mondo nel settore di applicazione delle nanotecnologie ai settori medici e dei nuovi materiali.

La serata sarà aperta dai saluti del presidente dell’associazione culturale Accademia “Vitale Giordano”, Silvio Vacca, del sindaco di Bitonto, Michele Abbaticchio, e dell’assessore al Marketing Territoriale, Rino Mangini.

Il professore Leonardo Degennaro, docente dell’Università degli Studi di Bari e coordinatore del comitato scientifico dell’Accademia, spiegherà le motivazioni per cui Stellacci è stato insignito del premio.

Biografia

Francesco Stellacci si è laureato in Ingegneria dei Materiali al Politecnico di Milano nel 1998 con una tesi su polimeri fotocromici con il Prof. Giuseppe Zerbi e Mariacarla Gallazzi.

Nel 1999 si è trasferito al Dipartimento di Chimica dell'Università dell'Arizona per un post-doc nel gruppo di Joe Perry in stretta collaborazione con il gruppo di Seth Marder.

Nel 2002 si è trasferito al Dipartimento di Scienza dei Materiali e Ingegneria presso il Massachusetts Institute of Technology come assistente professore. Fu poi promosso a collaboratore senza (2006) e con il mandato (2009). Nel 2010 si è trasferito all'Istituto di materiali presso l'Ecole Polytechinque Fédèrale di Losanna come professore ordinario.

Attualmente dirige il Laboratorio di NanoMaterials and Interfaces Supramolecular (SuNMiL).

Francesco è stato uno dei destinatari del Technology Review TR35 "35 Innovator under 35" nel 2005, e del Popular Science Magazine "Brilliant 10" nel 2007. Dal 2005 è membro della Fondazione Packard.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Vincenzo De Michele ha scritto il 10 ottobre 2018 alle 08:58 :

    Finalmente una buona notizia. Sarebbe stata gradita ai lettori una foto dell'illustra concittadino. Rispondi a Vincenzo De Michele