Sanità

Riforma 118, Italia in Comune Puglia: ″Qualità e standard dei servizi omogenei in tutte le regioni″

Italia in Comune condivide le preoccupazioni della FNOMCEO e della FIMMG sulla proposta di ambulanze senza medici a bordo

Attualità
Bitonto mercoledì 05 dicembre 2018
di La Redazione
ambulanza
ambulanza © n. c.

Il presidente regionale di 'Italia in Comune Puglia', Michele Abbaticchio, è intervenuto sulla vicenda relativa alla ipotesi di demedicalizzare il servizio 118 ed alla eventuale razionalizzazione della presenza dei medici che, secondo i dati della FIMMG, comporterebbe più del dimezzamento dei medici in servizio presso la rete 118 (dall’odierna dotazione organica regionale di 525 medici si passerebbe a circa 200) e la perdita di circa 40 ambulanze sulle attuali 105.

“I livelli essenziali di assistenza e gli standard qualitativi devono essere uniformi in tutto il Paese - dichiara Abbaticchio - e non possiamo accettare che lo stesso diritto alla salute si declini in forme disuguali a seconda della regione di appartenenza. I punti cardine del progetto ‘salute’ di Italia in Comune consistono nel valorizzare il territorio, nel potenziare la rete di assistenza territoriale, ivi compresa la rete di emergenza, l’assistenza domiciliare, i distretti sociosanitari, le politiche di prevenzione, la integrazione sociosanitaria, nel qualificare ulteriormente le figure professionali che quotidianamente operano nel sistema sanitario”.

Lascia il tuo commento
commenti