Sosterà per qualche giorno nella nostra città per poi ripartire alla volta di Brindisi

È giunto a Bitonto Bruno Dias, il "pellegrino di pace" in cammino con un'asina verso Gerusalemme

È partito due anni fa da Santiago di Compostela, superando i Pirenei per giungere in Francia e poi le Alpi per raggiungere l'Italia

Attualità
Bitonto domenica 17 marzo 2019
di Mariagrazia Lamonaca
Il pellegrino Bruno con la sua fedele asinella 'Salam' a Bitonto
Il pellegrino Bruno con la sua fedele asinella 'Salam' a Bitonto © BitontoLive.it

È giunto ieri a Bitonto Bruno Dias, un camminatore di origine portoghese che sta attraversando in questo periodo la Puglia per raggiungere a piedi Gerusalemme. La sua è una "marcia per la pace", come lui stesso l'ha definita e che si può seguire sulla pagina facebook dedicata.

È partito due anni fa da Santiago di Compostela, superando i Pirenei per giungere in Francia e poi le Alpi marittime per raggiungere l'Italia. Giunto nella nostra penisola, l'ha attraversata per intero seguendo l'antico percorso della via Francigena, prima quella del nord da La Spezia e poi la cosiddetta via Francigena del sud, che nel nostro territorio corrisponde all'Appia-Traiana.

Una volta arrivato a Canosa ha proseguito per Andria, poi Corato, Ruvo di Puglia e infine Terlizzi, dove ha avuto tempo di farsi conoscere e amare dai residenti, compresi quelli dell'antico borgo di Sovereto. L'originalità di Bruno sta anche nella sua compagna di viaggio, un'asina di sei anni, chiamata Salam, "pace", che in passato - spiega - ha salvato da maltrattamenti.

TerlizziLive lo ha intervistato qualche giorno fa, prima che partisse alla volta di Bitonto, dove è giunto attraversando le impervie stradine di campagna ed un breve (e pericoloso) tratto della Sp231. Inutile dire che il suo passaggio desta non poca curiosità nelle comunità che visita, ma quasi sempre l'accoglienza che riceve è grande e sincera. Molte persone si sono sentite ispirate dalla sua missione e gli hanno fornito ricovero, assistenza ed enorme affetto. Dopo aver lavorato come magazziniere, il 15 marzo del 2015 Bruno ha deciso di intraprendere l'ambizioso viaggio in nome della pace nel mondo, tanto da autodefinirsi "pellegrino di pace".

Anche nella città degli ulivi ha ricevuto una calorosa accoglienza, "ufficializzata" dalla presenza dell'assessore al Marketing Rino Mangini, che ha commentato: «Oggi pomeriggio ho accolto a nome del Sindaco e della città di Bitonto Bruno e la sua asinella Salam. Bruno è un portoghese cittadino del mondo che ha avuto un'idea folle, considerati i tempi in cui viviamo: percorrere a piedi con la sua asinella il cammino da Santiago de Compostela a Gerusalemme. (...) Perchè lo fa? Per la Pace! Testimoniare con la sua vita e con il suo cammino che un altro Mondo è possibile, con la sola forza dei suoi passi e di quelli del suo asino. E come i pellegrini di un tempo, Bruno ha scelto di vivere alla giornata, di quello che gli può essere donato, dell'ospitalità semplice di chi sa farsi prossimo».

Bruno si fermerà per qualche giorno a Bitonto, come fa in tutte le città che raggiunge, per poter socializzare con gli abitanti del posto e per diffondere il suo messaggio di pace. Quando sarà il momento di ripartire, saluterà le persone incontrate sul cammino e proseguirà per la sua strada, alla volta di Brindisi, dal cui porto si imbarcherà per Durazzo. Dall'Albania, attraverso i Balcani, si avvicinerà, passo dopo passo, a Istanbul per entrare in Turchia. "Se sarà possibile - spiega a TerlizziLive - passerò dalla Siria, altrimenti arriverò a Gerusalemme via mare".

Non seguendo nessuna fede in particolare, il suo non può definirsi un cammino di fede. La sua è, più che altro, una filosofia di vita, che abbraccia i valori della spiritualità, della frugalità e dell'intima fiducia nel genere umano. "Gerusalemme è la città della pace e io andrò lì per condividere un luogo, cosa che ormai è considerata una utopia. Quando sarò lì avrò le risposte - spiega ancora a TerlizziLive -. Il cammino è la mia meta. Viaggiare è un modo per stare meglio per me, e anche un modo per stare a contatto con la natura. Noi tutti siamo natura", assicura.

Lascia il tuo commento
commenti