Grazie alla sensibilità delle associazioni Fidapa e Amici del Cuore

Un defibrillatore per la Galleria Nazionale della Puglia

La cerimonia di consegna si terrà oggi alle 17.30

Attualità
Bitonto giovedì 16 maggio 2019
di La Redazione
Defibrillatore
Defibrillatore © n.c.

Questo pomeriggio alle 17.30 avrà luogo la cerimonia di consegna del defibrillatore di cui si dota la Galleria Nazionale della Puglia e che viene donato al museo grazie alla mobilitazione della comunità e delle associazioni bitontine coinvolte, la FIDAPA BPW ITALY Sezione di Bitonto e l’Associazione Amici del Cuore.

Queste ultime hanno accolto con entusiasmo il progetto fortemente voluto dalla Direzione, teso a sensibilizzare la cittadinanza sull’opportunità di disporre di uno strumento essenziale per salvare la vita in un luogo pubblico, ampiamente frequentato da visitatori e turisti. In caso di necessità, il piano di cardio-protezione prevede l’intervento immediato
del personale, appositamente addestrato con corso di esecutore BLSD (Basic Life Support Defibrillation) rilasciato da I.R.C. Comunità (Italian Resuscitation Council), che utilizzerà il defibrillatore in attesa dell’arrivo dell’ambulanza. Le patologie cardiovascolari sono al primo posto come causa di mortalità e hanno una incidenza e un andamento più subdolo nelle donne.

In occasione della cerimonia interverranno Nuccia Barbone Pugliese, Direttore della Galleria Nazionale della Puglia; Michele Abaticchio, Sindaco di Bitonto; Rocco Mangini, Assessore Marketing Territoriale; Pasquale Caldarola, Direttore del reparto di cardiologia dell'Ospedale San Paolo di Bari; Mariella Pastoressa, Presidente FIDAPA BPW ITALY Sezione di Bitonto; Andrea Ricci, Presidente dell’Associazione Amici del cuore.

Ingresso gratuito fino ad esaurimento posti

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Franco ha scritto il 19 maggio 2019 alle 11:28 :

    La spesa per i defibrillatori è sempre più diffusa ovunque. Il problema però è chi sappia e debba usarlo sul paziente. Chi si prende la responsabilità di diagnosticare un infarto senza essere un medico e di praticare un intervento sanitario di quel tipo? È per questo che dopo essere stati acquistati con tanta enfasi i defibrillatori restano lì a prendere la polvere. Rispondi a Franco