Molti i delegati diocesani provenienti dalle diocesi della Puglia e d’Italia

Basilica di San Nicola gremita per il Convegno Ecumenico. Presenti anche i docenti bitontini

Enzo Bianchi: “La fraternità è la nuova frontiera della cristianità per un dialogo di pace fra le religioni, il compito del cristiano è essere artigiano della fraternità”

Attualità
Bitonto giovedì 16 maggio 2019
di La Redazione
Il Prof. Giuseppe Cannito con padre Giovanni Distante, priore della Basilica Pontificia San Nicola di Bari al
Il Prof. Giuseppe Cannito con padre Giovanni Distante, priore della Basilica Pontificia San Nicola di Bari al "Convegno Ecumenico" © n.c.

Martedì 14 maggio 2019, nella suggestiva cornice della Basilica di San Nicola di Bari si è svolto un Convegno Ecumenico incentrato sul dialogo interreligioso fra le diverse religioni monoteiste, in riferimento alla frase ecumenica di Papa FrancescoLa via della comunione riconciliata”, riportato nel Notiziario Diocesano dell’arcidiocesi di Bari-Bitonto.

A introdurre i lavori di studi ecumenici nel mese di ottobre 2018 è stato mons. Francesco Cacucci arcivescovo metropolita di Bari-Bitonto, nonché Gran Cancelliere della Facoltà Teologica Pugliese. A porgere i saluti, padre Giovanni Distante op priore della Basilica Pontificia di San Nicola dinanzi al prof. Angelo Panzetta preside della Facoltà Teologia Pugliese, al prof. Luca De Santis direttore dell’Istituto di Teologia Ecumenico-Patristica “San Nicola” di Bari e ai numerosissimi delegati diocesani provenienti dalle diverse diocesi della Puglia, d’Italia e d’Europa, tra cui i docenti bitontini.

Il relatore è stato il saggista italiano Enzo Bianchi fondatore della Comunità Monastica di Bosè, tra l’altro, nel 2014 è stato nominato da Papa Francesco consultore del Pontificio Consiglio per la promozione dell’unità dei cristiani. La tematica del relatore ha avuto come centralità: “L’arte dell’incontro nella comunità credente”, incentrato sul dialogo ecumenico nelle diverse religioni monoteiste tra i cristiani cattolici, ortodossi e protestanti del XXI secolo in Europa e in Oriente, dove oggi più che mai, occorrono scambi reciproci interreligiosi per comprendere e interpretare la diversità nelle proprie religioni di appartenenza.

Il teologo prof. Giuseppe Cannito ha donato a Enzo Bianchi un pregevole volume sull’episcopato di mons. Aurelio Marena (ultimo vescovo della diocesi di Bitonto), il quale fu promotore della Facoltà Teologica Pugliese per favorire un dialogo interreligioso. Il volume è patrocinato da mons. Francesco Cacucci dell’arcidiocesi di Bari-Bitonto, da don Vito Piccinonna parroco-rettore della Basilica Pontificia dei Santi Medici, dal dott. Michele Abbaticchio sindaco di Bitonto, dall'Arciconfraternita Immacolata Concezione e dall'Arciconfraternita Maria SS. del Suffragio.

I docenti partecipanti al Convegno Ecumenico hanno ricevuto un volume contenente gli Atti del corso di aggiornamento e formazione, con il contributo del Servizio Nazionale per gli Studi Superiori di Teologia e della Conferenza Episcopale Italiana, e un esplicito riconoscimento con un “Attestato di Partecipazione”, che conferisce otto crediti Ects formativi universitari, perché in regola nell’anno accademico 2018/2019 nell’aver adempiuto agli obblighi di studi universitari con le unità monotematiche teologiche-patristiche e di frequenza a cadenza mensile. Vidimato da padre Santo Pagnotta op, Segretario Generale della Facoltà Teologica Pugliese, è riconosciuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e dalla Conferenza Episcopale Italiana.

Lascia il tuo commento
commenti