Un momento di condivisione delle passioni, senso di gruppo e autonomia

I ragazzi di Autismo On The Road al Lucca Comics and Games

Un viaggio reso possibile grazie al ricavato delle rappresentazioni teatrali per lo spettacolo " Mani in Pasta", interamente scritto ed interpretato dai ragazzi

Attualità
Bitonto giovedì 07 novembre 2019
di La Redazione
I ragazzi di Autismo On The Road al Lucca Comics and Games
I ragazzi di Autismo On The Road al Lucca Comics and Games © n.c.

Autismo On The Road continua a portare in giro per l’Italia i ragazzi autistici partecipanti al progetto nell’intento di affiancarli nel perseguimento delle loro passioni e renderli sempre più autonomi nella propria quotidianità. Un evento unico il Lucca Comics and Games al quale i ragazzi non potevano mancare in qualità di super esperti e appassionati del settore.

Un viaggio reso possibile grazie al ricavato delle rappresentazioni teatrali per lo spettacolo interamente scritto ed interpretato dai ragazzi di Autismo On The Road, Mani in Pasta; tra gli altri fondi che hanno favorito questo viaggio, la donazione preziosa di una coppia di sposi che ha devoluto ad Autismo On The Road il valore in denaro che sarebbe stato utilizzato per l’acquisto delle bomboniere per la propria cerimonia di nozze, oltre alla somma ricavata da una piccola campagna di raccolta fondi effettuata online e sui social network dai volontari del progetto.

L’idea di andare a Lucca nasce per soddisfare una passione trasversale a tutti i ragazzi del progetto di Autismo On The Road. La loro passione ha preso forma lì sul posto, nel Lucca Comics and Games, in una città interamente in festa.

«Vederli felici è stato davvero straordinario, erano perfettamente integrati, entusiasti ed eccitatissimi. Ognuno di loro è riuscito a soddisfare un proprio desiderio comprando un oggetto o visitando uno stand – ha dichiarato Fabio Cardone, psicoterapeuta del progetto. Questa per i ragazzi è stata un’esperienza di grande successo: hanno dimostrato notevole autonomia sostenendo un viaggio intero in pullman, organizzandosi con i soldi a loro disposizione e dividendoli tra quelli che gli servivano per mangiare e quelli che erano destinati ad esaudire i loro desideri. È stata una delle tappe del nostro progetto in cui maggiormente abbiamo riscontrato un forte senso di autogestione e di determinazione e un grande spirito di gruppo».

Durante la scorsa settimana infatti 7 ragazzi del progetto sono volati a Lucca per il più emozionante appuntamento europeo nell’ambito dei fumetti, accompagnati dai due psicoterapeuti, Fabio e Serena, da due operatrici Anna e Valeria, dal foundraiser Alessandro e dal videomaker Michele Delpiano.

“Chi è lo strano? Sicuramente quello vestito in maniera poco consona al contesto. Tra l'altro non guarda verso l'obiettivo come si dovrebbe fare e, ad una prima impressione, non avrebbe molto da dire o da condividere con l'altra persona. Credo anche che non faccia molto per adeguarsi e questo potrebbe essere un po' fastidioso. Sì lo strano in questa foto sono io. – racconta Fabio in quei giorni di divertimento e fantasia direttamente sulle sue pagine social - Mi trovo al Lucca Comics & Games con i ragazzi di Autismo On The Road e mi rendo conto di sapere davvero poco di questo mondo. Funko pop, anime e manga, cosplayer, draghi, maghi ed elfi, giochi di ruolo, nintendari e Play Station 1,2,3 e 4: una città intera meravigliosamente colorata e in tema e un festival tra i più grandi d'Europa che offre innumerevoli opportunità per tutti i gusti e le esigenze. Mi sento un po' fuori posto e faccio fatica a comprendere i discorsi dei ragazzi, ciò mi crea difficoltà ad interagire con loro. Fortunatamente faccio tante domande e i ragazzi sono sempre lì a spiegarmi anche se a volte mi guardano come se fossi un alieno perché non conosco cose così ovvie...

I ragazzi invece - quelli strani, autistici, che non riescono a vivere le più elementari regole sociali - oggi sanno perfettamente cosa vogliono vedere, dove vogliono andare e cosa vogliono acquistare. I ragazzi - quelli che hanno una scarsa empatia, varie rigidità e sono autistici - fanno file interminabili rispettando il loro turno, si aiutano a vicenda negli imprevisti e si muovono in gruppo facendo in modo di rispettare ed esaudire i desideri di ciascuno. Sono fiero di voi. Grazie”.

«Quello che mi è piaciuto di più del Lucca Comics è che non avevo mai visto tanti padiglioni in una città come questa, mi sono divertito –ha detto Alessandro, uno dei ragazzi autistici, dopo quest’avventura - C’erano tantissime persone travestite da personaggi di videogiochi, cartoni animati. Non mi aspettavo che molta gente si travestisse. Ho fatto delle foto con i personaggi che mi erano familiari e mi sono divertito molto di più!!»

Lascia il tuo commento
commenti