L'evento

Festa dell’Assunzione, quest’anno il 145esimo anniversario dell’Arciconfraternita dell'Immacolata

Mons. Francesco Cacucci “L’Immacolata Concezione è per i confratelli e bitontini motivo di profonda gioia e garanzia di protezione divina”

Attualità
Bitonto giovedì 13 agosto 2020
di La Redazione
Patrona di Bitonto nella Cattedrale
Patrona di Bitonto nella Cattedrale © n.c.

Quest’anno ricorre il 145° anniversario (1875-2020) del titolo ecclesiastico di onorificenza da venerabile Confraternita a gloriosa Arciconfraternita Immacolata Concezione di Bitonto.

L’Osservatore Romano, organo Ufficiale della Santa Sede, ha pubblicato un ampio articolo intitolato: Una comunità mariana ai piedi della “tota pulchra”, a firma del prof. Giuseppe Cannito, presidente emerito dell’Arciconfraternita, con una recensione a carattere storico, devozionale e confraternale nel custodire e promuovere il culto a Maria SS. Immacolata, Patrona di Bitonto.

Gli illustri confratelli, guidati pastoralmente dal padre spirituale don Francesco Acquafredda e coadiuvato dal Consiglio di Amministrazione presieduto dal dott. Francesco Cannito, promuovono nella Cattedrale sia la dottrina cristiana nel settore liturgico-cultuale (nel preparare con dedizione la Festa liturgica e la Solenne novena con la partecipazione delle Parrocchie bitontine) e sia l’esercizio della carità nel settore socio-assistenziale per realizzare il bene comune (con opere caritative verso i bitontini).

La chiesa cattolica il 15 agosto celebrerà la Solennità dell’Assunzione della Vergine Maria, che fu assunta anima e corpo nella gloria celeste. Come da tradizione, anche nell’era del coronavirus, si rinnoverà nella Cattedrale da parte dei confratelli dell’Arciconfraternita e dei componenti del Comitato Feste Patronali l’omaggio floreale alla sacra immagine patronale dell’Immacolata Concezione, un semplice gesto che sancisce la profonda devozione mariana, come segno di infinita gratitudine alla Madonna.

Le relative notizie storiche dell’Arciconfraternita sono riportate nei Registri degli Atti Capitolari e nel pregevole libro mariano intitolato: “Immacolata Concezione icona della chiesa” con prefazione di mons. Francesco Cacucci, arcivescovo di Bari-Bitonto, presentazione di don Francesco Acquafredda parroco concattedrale, teologo prof. Giuseppe Cannito l’autore del volume, con il patrocinio dall’Arcidiocesi di Bari Bitonto, dal Comune di Bitonto Assessorato Cultura e dall’Arciconfraternita Immacolata Concezione di Bitonto.

La gloriosa e venerabile Arciconfraternita dell’Immacolata Concezione, che ne conserva e diffonde ancora oggi il culto e la devozione nella splendida Cattedrale di Bitonto, fu istituita il 10 luglio 1531 con Bolla del cardinale mons. Alessandro Farnese, già vescovo di Bitonto e divenuto Sommo Pontefice con il nome di Papa Paolo III.

La confraternita godeva del supporto autorevole ed efficace dell’episcopato locale, che nella figura del vescovo mons. Cornelio Musso assicurò una sede decorosa, ed un cospicuo fondo finanziario. Successivamente la confraternita fu istituita dal vescovo mons. Giovanni Pietro Fortiguerra il 7 aprile 1578 sotto il titolo di “Beatae Mariae Virgini Immaculatae Conceptionis”, con i privilegi, le regole e i diritti di fondazione concessi al Regio Assenso, composta non solo da sacerdoti ma anche da nobiluomini laici.

Nel 1677 l’esigenza di commissionare una sacra scultura devozionale che raffigurasse l’immagine dell’Immacolata Concezione, fu avanzata dagli illustri confratelli della confraternita al vescovo mons. Francesco Antonio Gallo, che si materializzò nel 1681 con la realizzazione della prestigiosa e stupenda statua lignea dorata patronale dell’Immacolata Concezione, che fu portata per la prima volta in processione per le vie della città di Bitonto l’8 dicembre 1681.

I confratelli e le consorelle dell’Immacolata erano zelanti operatori di carità a beneficio delle fasce sociali più deboli, questa caratteristica carismatica determinò ampi consensi dalla gente e il riconoscimento dell’onorificenza del titolo ecclesiale di onorificenza di gloriosa Arciconfraternita il 16 marzo 1875, per opera del vescovo mons. Vincenzo Materozzi con beneplacito del Capitolo Cattedrale, riconosciuta canonicamente dal Papa Pio IX, come riporta l’iscrizione commemorativa nella Cripta in Cattedrale: “dal Pio Sodalizio della Immacolata Concezione - quando la Santa Sede - benignamente la decorava - del titolo di Arciconfraternita - 1875”.

Ancora oggi, sul piano dello slancio religioso e devozionale l’Arciconfraternita dell’Immacolata Concezione è una presenza operosa e propositiva entro la realtà civica e religiosa nella città di Bitonto, volti a salvare la propria anima: ad pias causas.

Lascia il tuo commento
commenti