Il fatto

​Estorcono denaro al gestore di una pompa di benzina. Arrestati due fratelli e un complice

Le indagini, condotte dalla locale Stazione Carabinieri, hanno tratto spunto dalla denuncia sporta dallo stesso imprenditore, anch’egli di Bitonto, nell’agosto dello scorso anno

Cronaca
Bitonto giovedì 14 febbraio 2019
di La Redazione
Carabinieri
Carabinieri © n.c.

I Carabinieri della Stazione di Bitonto hanno dato esecuzione a due ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal GIP presso il Tribunale di Bari, Giovanni Anglana, su richiesta del Sostituto Procuratore della Repubblica del Capoluogo, Marcello Barbanente, nei confronti di due bitontini, già noti alle forze dell’ordine. Entrambi sono ritenuti responsabili di estorsione in concorso e violenza o minaccia per costringere a commettere un reato, commessi ai danni del gestore di un distributore di carburanti.

Le indagini, condotte dalla locale Stazione Carabinieri, hanno tratto spunto dalla denuncia sporta dallo stesso imprenditore, anch’egli di Bitonto, nell’agosto dello scorso anno. Quest’ultimo, ha deciso di rivolgersi alle Istituzioni in quanto ormai stanco per le continue richieste estorsive che un pregiudicato del luogo poneva in essere quasi quotidianamente, recandosi sul luogo di lavoro.

Da più di un mese, difatti, l’imprenditore subiva le richieste vessatorie dell’uomo che, minacciandolo di morte e di dare fuoco al locale, era riuscito a farsi consegnare cifre variabili dai 50 ai 300 euro. Verso la fine del mese di agosto l’ammontare della somma che la vittima aveva corrisposto al malfattore si aggirava ormai sui 4 mila euro. Le modalità di richiesta erano sempre le stesse. L’uomo giungeva a bordo di un ciclomotore o di un’autovettura, accompagnato da un complice e, una volta sceso, prendeva contatti con i dipendenti del distributore, chiedendo del proprietario. Il titolare e i malcapitati operai, spaventati dalle minacce dell’uomo, erano costretti a cedere alle richieste estorsive e a consegnare al malvivente svariate banconote.

Lo stesso si giustificava dicendo che aveva bisogno di denaro per mantenere la sua famiglia ed, il più delle volte, giungeva in uno stato di evidente alterazione psico-fisica che spaventava i presenti. In uno degli ultimi episodi, al diniego opposto dalla vittima a consegnargli del denaro, il malvivente si era scagliato contro il gestore ed un suo dipendente, sferrando un pugno sul viso del primo e facendogli cadere gli occhiali al suolo. Solo l’intervento del complice che attendeva in auto aveva evitato il peggio.

Questo episodio aveva rafforzato ancora di più la volontà dell’imprenditore di raccontare tutto ai Carabinieri, i quali, raccolta la denuncia, predisponevano un adeguato servizio di osservazione nei pressi del distributore. Il giorno dopo, l’uomo si era recato nuovamente presso la predetta attività e, colto in flagranza del reato di estorsione, era stato arrestato dai militari, dopo che gli era stata consegnata la somma di 50 euro, ottenuta con i soliti metodi brutali. S.M., queste le iniziali dell’arrestato, di 25 anni, su disposizione della competente autorità giudiziaria veniva condotto in carcere. Nel frattempo le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Bari, volte a fare luce su tutte le condotte criminose dell’arrestato continuavano, così come veniva vagliata la posizione del complice, che anche in quella circostanza era presente ed aveva atteso in auto.

Indagini che consentivano di identificare il complice in un 39enne bitontino P.P., anch’egli volto conosciuto ai militari, poiché legato ad un noto gruppo criminale della città. Per lui, a seguito della emissione della misura cautelare prontamente eseguita dai Carabinieri della Stazione di Bitonto, si aprivano le porte del carcere. L’attività investigativa svelava, inoltre, un altro particolare inquietante. Il fratello dell’estortore, S.A., bitontino di 30 anni noto alle forze dell'ordine, almeno in una occasione si era recato nel mese di settembre presso il distributore di benzina e, con una tanica in mano, aveva minacciato il titolare, vittima di questa ennesima violenza, avrebbe, difatti, dovuto ritrattare le dichiarazione rese ai Carabinieri della Stazione di Bitonto, al fine di garantire l’innocenza del fratello. Anche per lui, oggi, si sono aperte le porte del Carcere con l’accusa di violenza e minaccia nei confronti del proprietario dell’esercizio commerciale al fine di commettere il reato di false dichiarazioni da rendere alla autorità giudiziaria.

Lascia il tuo commento
commenti