L’operazione

Arrestati su ordinanza di custodia cautelare 2 bitontini per rapina e furto

Si tratta di furto di auto e furto in abitazione

Cronaca
Bitonto martedì 14 maggio 2019
di La Redazione
Furto notturno
Furto notturno © n. c.

I militari delle Stazioni di Bari San Paolo e di Bitonto hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal GIP del Tribunale di Bari -dr.ssa Annachiara Mastrorilli-, su richiesta avanzata dal P.M.. -dr.ssa Larissa Catella- della Procura della Repubblica di Bari, a carico dei pregiudicati bitontini M.C. 22/enne e F.L.18/enne, i quali, tra l’ottobre 2018 e gennaio 2019, hanno messo a segno una rapina, un furto di autovettura, nonché un furto in abitazione.

In particolare, verso la mezzanotte dell’8 gennaio scorso, i due si sono resi responsabili della rapina “impropria” di un’autovettura sportiva in sosta nel parcheggio della multisala cinematografica “Ciaky”, ubicata in Traversa Via Bitonto. Nella circostanza, il proprietario dell’auto, accortosi del furto, aveva tentato di bloccare la fuga dei malfattori introducendosi, attraverso il finestrino, nel veicolo. Tuttavia, il malcapitato era stato colpito dai rapinatori e respinto fuori dall’abitacolo.

Le indagini svolte dai Carabinieri hanno, inoltre, consentito di comprovare che M.C., il 24 settembre 2018, si era reso responsabile di un tentato furto di un’autovettura in sosta sulla pubblica via, mentre il 10 ottobre precedente aveva consumato un furto in abitazione nel corso del quale, dal cortile, aveva asportato una cuccia per cani ed otto sacchi di mangime per animali.

Preziose si sono rivelate le immagini dei sistemi di videosorveglianza, che hanno consentito ai militari operanti di identificare entrambi i responsabili. Nel corso di una perquisizione, presso l’abitazione di M.C., sono stati rinvenuti e sottoposti a sequestro gli abiti utilizzati dallo stesso nelle suddette azioni criminose.

M.C. si trova ora ristretto presso la Casa Circondariale di Bari, mentre F.L. è stato sottoposto agli arresti domiciliari.

Lascia il tuo commento
commenti