La nota

Presunta combine Bitonto-Picerno, la società neroverde si dichiara estranea ai fatti

Nella nota, la società dichiara non aver ricevuto alcuna informazione di garanzia

Cronaca
Bitonto giovedì 20 giugno 2019
di La Redazione
Usd Bitonto Calcio
Usd Bitonto Calcio © Facebook

Questa mattina l’Usd Bitonto è stata scossa da una presunta combine organizzata da alcuni calciatori neroverdi e dell’Az Picerno in merito all’ultima giornata del campionato appena concluso, che vide i lucani imporsi 3-2. C’è da ricordare come per il Bitonto quell’ultima partita della regular season fosse del tutto ininfluente perché già sicuro che del quarto posto e della qualificazione ai play-off.

A stretto giro di posta, è giunta la nota della società neroverde, la quale dichiara di non essere stata ancora raggiunta da alcuna informazione di garanzia, dichiarandosi estranea ai fatti.

“L’Usd Bitonto Calcio, nelle persone del Presidente e del Vicepresidente, con riferimento alla notizia diffusasi nelle ultime ore relativa ad un’indagine in corso da parte della GdF, tiene a precisare di non essere stata raggiunta sino a questo momento da alcuna informazione di garanzia e dichiara di essere estranea ai fatti a cui gli organi di stampa fanno riferimento.
La società confida nel corretto svolgimento delle indagini e nel regolare corso della giustizia. In attesa che la giustizia faccia il suo corso e tutto venga acclarato, Usd Bitonto calcio continuerà ad operare, come ha sempre fatto, nel pieno rispetto dell’etica sportiva ed in osservanza delle regole, prendendo sin d’ora le distanze da chi non osserva le medesime regole, così danneggiando l’immagine della società, della città di Bitonto e dello sport in generale.
Infine, la società osserverà al riguardo il silenzio stampa, fin quando non verrà fatta maggiore chiarezza”.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Franco ha scritto il 21 giugno 2019 alle 08:46 :

    Era il Picerno ad essere interessato a vincere per andare in serie C direttamente. Non c'era nessun vantaggio per la società del Bitonto calcio. Quindi l'indagine potrebbe colpire solo i giocatori, che anagraficamente non sono proprio dei giovanotti con una carriera rovinata davanti. Rispondi a Franco