Il commento di Abbaticchio

Danneggiati ancora una volta i pannelli luminosi antimafia nel centro storico

Stavolta è toccato ai nominativi di Peppino Impastato e Placido Rizzotto

Cronaca
Bitonto mercoledì 20 maggio 2020
di La Redazione
Pannello luminoso di Peppino Impastato
Pannello luminoso di Peppino Impastato © Facebook

Danneggiati ancora una volta nel centro storico i pannelli luminosi riportanti i nomi di Peppino Impastato e Placido Rizzotto, due icone antimafia uccise in Sicilia.

“Nel triste periodo di isolamento, Peppino Impastato e Placido Rizzotto sono stati uniti anche dalla barbarie di gente che, mi auguro, non conosca quello che rappresentano per Bitonto e per l'Italia intera – scrive il sindaco Michele Abbaticchio sui suoi canali social –. Accade in via San Luca e noi torneremo a riparare la memoria sulla ‘strada degli eroi’ con le luminarie antimafia rimaste accese dopo l'ultimo 30 dicembre scorso dedicato alla nostra Anna Rosa Tarantino. E le forze dell'ordine torneranno ancora, ancora, sempre più spesso quanto più spesso cercherete di cancellare la firma di queste frasi sulle quali vi accanite. Sono due firme che parlano di vite donate in nome della verità e della giustizia sociale. Due frasi che raccontano la loro vita e un insegnamento che continueremo a leggere, illuminate, sulle strade bitontine che porteremo sempre più a trasformarsi in libri di educazione sociale aperti”.

È trascorso da appena qualche giorno peraltro l’anniversario della morte di Peppino Impastato, il giovane giornalista ammazzato a Cinisi il 9 maggio 1978.

Lascia il tuo commento
commenti