Iniziativa del Teatro Pubblico Pugliese

Indovina chi viene a (s)cena, sabato spettacolo “al buio” dal teatro Traetta

Da domani a domenica sei eventi a sorpresa. Prenotazioni online per partecipare in streaming da casa

Cultura
Bitonto giovedì 14 gennaio 2021
di La Redazione
Teatro Tommaso Traetta
Teatro Tommaso Traetta © Modesto De Renzio

Tornano gli appuntamenti del fine settimana a teatro con “Indovina chi viene a (s)cena”.

Da domani a domenica, sei eventi a sorpresa, due al giorno, uno alle 19.30 e l’altro alle 21, faranno compagnia a chi ama il teatro e da troppi mesi non lo può frequentare, e a chi è curioso di conoscerlo anche attraverso questa nuova modalità.

Ideato dal Teatro Pubblico Pugliese, il teatro a casa all’ora di cena con ospiti e spettacoli misteriosi andrà in diretta questa settimana da tre nuove città del circuito del Teatro Pubblico Pugliese che hanno aderito al progetto. Si comincia domani dal teatro Giuseppe Verdi di San Severo, si prosegue al teatro Traetta di Bitonto sabato 16 gennaio e si termina a Rutigliano, dall’auditorium comunale della scuola Don Tonino Bello, domenica 17.

 

Come partecipare

Prenotare il proprio posto gratuito a teatro è facilissimo: basta andare sul sito www.rebellive.it/o/teatro-pubblico-pugliese e seguire le indicazioni. E intanto sui social prosegue il gioco a indizi con due attori che interpretano Eva Kant e Diabolik per aiutare il pubblico a scoprire i diversi spettacoli misteriosi in programma in ogni Comune e far vincere, ogni settimana, al più veloce, un biglietto valido per la stagione teatrale 2020/21, utilizzabile in uno dei teatri del circuito.

Un gioco che prosegue anche con la newsletter del Tpp con indizi speciali solo per gli iscritti (per scoprire di più clicca qui) e che ha già portato alcuni partecipanti come Adele, Claudia, Giuseppe, Gesi e Giampiero ad indovinare per primi e vincere il biglietto omaggio da usare al termine del periodo di sospensione degli spettacoli in presenza.

Un format che è stato sposato da oltre sessanta compagnie professionistiche di teatro nostrane, che in questo modo stanno tornando ad abitare i teatri facendoli rivivere, anche se con una formula diversa da quelle classiche, e che sa di sfida e di futuro.

 

 

Lascia il tuo commento
commenti