Divulgazione scientifica

Tre giurie di alto profilo per il concorso Vitale Giordano

L'accademia ringrazia i giurati per il grande lavoro svolto

Cultura
Bitonto martedì 28 marzo 2017
di La Redazione
Cerimonia di premiazione del I concorso Vitale Giordano
Cerimonia di premiazione del I concorso Vitale Giordano © BitontoLive.it

Archiviata con successo la prima edizione del concorso Vitale Giordano organizzato dall'omonima accademia, il presidente Silvio Vacca ne tira le somme e, a nome dell'intera accademia, tiene a rimarcare «il grande lavoro delle giurie tecniche, composte da persone molto qualificate. Arbitri di alto profilo che hanno dato autorevolezza al concorso, garantendo giudizi competenti e imparziali».

La presenza di grossi nomi extra regionali è stata un valore aggiunto per le giurie, coordinate da Leonardo Degennaro e presiedute da Catalina Curceanu.

Il lavoro dei giurati – scelti per le rispettive competenze in matematica, fisica e scienze della terra – è andato avanti per oltre due settimane. Il 4 marzo si sono chiusi ufficialmente i termini per l'invio degli elaborati, anche se è stata concessa una breve proroga fino all’8 marzo. La correzione è cominciata subito dopo. È stato creato uno spazio virtuale condiviso dai giurati, che si sono poi confrontati per assegnare giudizi e punteggi. Le valutazioni di merito scientifiche sono state integrate con quelle di qualità del testo e della capacità tecnica di comporre immagini.

Tre le giurie, una per ciascuna delle tre sezioni del concorso: elaborato scritto, video e mobile application.

 

Elaborato scritto

Per la sezione elaborato scritto, la giuria era cooordinata da Leonardo De Gennaro ricercatore e docente del dipartimento di Farmacia dell'Università di Bari e composta da Luisa Rossi (Dipartimento di Matematica del Politecnico di Milano), Sandra Lucente e Luigi Borzacchini (Dipartimento di Matematica dell'Università di Bari), Catalina Curceanu fisico e primo ricercatore dell'Infn Lfn di Frascati, Domenico Elia ricercatore Infn sezione di Bari, Francesco Torelli e Beniamino Castagnola (Dipartimento di Elettrotecnica del Politecnico di Bari), Lucia Achille docente dell'ite Vitale Giordano di Bitonto, Cecilia Petta docente del liceo scientifico Galileo Galilei di Bitonto, Rosanna Desantis docente dell'istituto comprensivo Cassano-de Renzio di Bitonto, Francesca De Leo ricercatrice Ibbe Cnr Bari; Giuseppe Maruccio (Dipartimento di Fisica e Matematica dell'Università del Salento, Cnr Nanotech, Marino Pagano giornalista.

 

Video

La giuria della sezione video, coordinata dal regista Michele Pinto, era composta da Sandra Lucente (Dipartimento di Matematica dell'Università di Bari), Vito Moretti educatore scolastico, Carlotta Pittori astrofisico Asdc Asi-Inaf, Fernando Serrati colonnello dell'Aeronautica Militare, Fabio Gargano fisico dell'Infn sezione di Bari, Manuela Matarrese responsare Area Formazione del Distretto Tecnologico Aerospaziale, Marino Pagano giornalista.

Dieci i video in gara, realizzati dai ragazzi di otto istituti: il liceo scientifico Tedone di Ruvo, il liceo scientifico Galileo Galilei di Bitonto, l'stituto Majorana di Mola di Bari, il liceo classico Sylos di Bitonto, il liceo classico Spinelli di Giovinazzo, l'istituto Jannuzzi di Andria, il liceo Fermi di Minervino, il convitto Cirillo di Bari (il liceo Sylos e l'itis Jannuzzi hanno partecipato con due team per il video).

 

App 

La giuria tecnica della sezione mobile application, cooordinata da Francesca A. Lisi ricercatrice e docente del Dipartimento di Informatica e Centro Interdipartimentale di Logica e Applicazioni dell'Università di Bari, era composta da Carlotta Pittori astrofisico Asdc Asi-Inaf, Giampaolo Chiarella amministratore di Teseo srl, Salvatore Latronico presidente del Distretto Produttivo Informatica Puglia, Francesco Sgaramella software engineer Esa-Estec.

Quattro le app in gara, elaborate dai ragazzi del liceo scientifico Tedone di Ruvo, del liceo classico Sylos di Bitonto, dell'istituto Volta-De Gemmis di Bitonto e dell'istituto Jannuzzi di Andria.

 

 

 

 

 

Lascia il tuo commento
commenti