Nell'ambito della manifestazione “A cent’anni dalla Grande Guerra”

Grande musica per ricordare la fine della Grande Guerra

Sabato scorso ha avuto luogo il concerto “Parole e musica dal fronte”, con l’orchestra sinfonica di fiati “Davide Delle Cese”

Cultura
Bitonto venerdì 09 novembre 2018
di La Redazione
“Parole e musica dal fronte” nella chiesa di San Gaetano
“Parole e musica dal fronte” nella chiesa di San Gaetano © n. c.

Un pubblico delle grandi occasioni ha gremito la chiesa di San Gaetano, sabato scorso, per il concerto “Parole e musica dal fronte”, un percorso teatral-musicale a cura dell'Associazione Musicale Culturale "Davide Delle Cese" e organizzato dal Ce.R.S.A. Bitonto e dal Comitato "Bitonto onora i suoi caduti".

Il concerto rientrava nell'ambito della manifestazione “A cent’anni dalla Grande Guerra”, organizzata dal Centro Ricerche di Storia e Arte Bitontine, in collaborazione con il Comitato “Bitonto onora i suoi caduti”.

Cent'anni fa la fine di una delle guerre che più è costata al nostro sud in termini di vite umane, al punto che sono tantissimi i bitontini (circa 400) che vi hanno partecipato e che non hanno più fatto ritorno.

Le manifestazioni di sabato e domenica scorsa hanno rappresentato il culmine di due anni di impegno su questo tema da parte del Centro Ricerche e del Comitato “Bitonto onora i suoi caduti”, insieme anche all’associazione “Davide Delle Cese”. Un risultato ottenuto soprattutto grazie ad una proficua sinergia tra le varie associazioni culturali.

«Ancora una volta Bitonto ha ricordato la sofferenza e l'immane tragedia della prima guerra mondiale» commenta Marino Pagano, vice presidente del comitato "Bitonto onora i suoi caduti"».

«Altri meglio di me - continua - hanno sottolineato come abbia fatto bene al ricordo la sinergia tra le associazioni culturali cittadine, un qualcosa che nel mio piccolo ho sempre promosso, sin da quando abbiamo costituito con altri amici (a partire dal presidente Aldo Naglieri) il comitato spontaneo "Bitonto onora i suoi caduti". Attivissimi in questi anni il Centro Ricerche e la Fondazione De Palo-Ungaro (ma anche la Fidapa), interpreti di manifestazioni e rassegne interessanti, eventi che lasceranno tracce». «L'amministrazione comunale - conclude - ha poi risposto alle sollecitazioni delle associazioni e ha dato il suo contributo. Davvero non si contano le iniziative. Bitonto, a cento anni dal conflitto, ha risposto».

Parole e musica dal fronte”, il concerto dell’orchestra sinfonica di fiati “Davide Delle Cese” diretta dal maestro Vito Vittorio De Santis, andato in scena sabato scorso nella chiesa di San Gaetano, era costruito dunque come un percorso tra musica e teatro, i cui testi sono stati selezionati da Paola Martelli che si è ispirata a volumi come La Grande Guerra e la memoria moderna (P. Fussell), Donne nella grande guerra, Bari e la Prima Guerra mondiale (Vito Maurogiovanni) e altri. La corale di voci bianche è stata diretta da Teresa Tassiello e le voci recitanti sono state quelle di Paola e Maria Pia Martelli e di Claudio Belviso.

Sono intervenuti Stefano Milillo, presidente del Centro Ricerche, Vincenzo Robles, docente di Storia Contemporanea all’Università di Foggia, Giuseppe De Santis, presidente dell’associazione “Davide Delle Cese” e Giuseppe Maurodinoia, portavoce della Confraternita di San Giuseppe.

Lascia il tuo commento
commenti