L'annuncio del governatore

Un’altra settimana di didattica a distanza al 100% per le superiori

Emiliano: «Siamo al lavoro su un'ordinanza che consenta gradualmente la ripresa delle lezioni in presenza»

Politica
Bitonto sabato 16 gennaio 2021
di La Redazione
Scuola ai tempi del Covid
Scuola ai tempi del Covid © Live Network

«Siamo estremamente preoccupati per quanto l'Istituto superiore di Sanità ha oggi reso pubblico e per quanto il Governo ha fatto di conseguenza, rendendo più rigide le regole di zonizzazione al punto da mandare in zona arancione molte regioni italiane. L'Istituto superiore di sanità ci chiede di mantenere inalterate le misure di contenimento della curva epidemiologica. Ed una delle misure adottate in Puglia per ottenere tale contenimento è l'alleggerimento della didattica in presenza attraverso la libera scelta della didattica digitale integrata da parte delle famiglie che lo desiderino.

Tale metodo non impedisce la didattica in presenza per coloro che la ritengono necessaria e, contemporaneamente, non obbliga le famiglie che temono il contagio all'obbligo di frequenza in presenza. È un sistema che certamente richiede grande sacrificio ai docenti nel gestire entrambe le didattiche, ma è anche il miglior compromesso tra due esigenze apparentemente contrapposte che invece in questo modo realizza pienamente il diritto allo studio e il diritto alla salute.

Anche chi è obbligato dalle proprie necessità alla didattica in presenza, sicuramente più pericolosa di quella a distanza, ha un vantaggio in termini di salute perché le classi sono meno affollate e questo tutela anche la salute di insegnanti e personale scolastico senza coartare la volontà di nessuno e soprattutto rispettando le disposizioni nazionali. Ecco perché siamo al lavoro su una ordinanza che consenta gradualmente la ripresa delle lezioni in presenza nelle scuole superiori non appena avremo la sicurezza che queste ultime si possano svolgere senza rischio. A tal fine verrà prorogata l’attuale didattica digitale integrata al 100% nelle scuole secondarie di secondo grado per almeno un'altra settimana, in modo da contenere ulteriormente la curva dei contagi. 

Per le scuole primarie e secondarie di primo grado si manterrà come sempre un sistema che consenta alle famiglie che non desiderano la didattica in presenza di ottenere la didattica digitale integrata senza essere obbligati alla presenza». È quanto ha comunicato ieri il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, con riferimento alla prossima ordinanza sulla scuola che sarà emanata a breve.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • G.T. ha scritto il 16 gennaio 2021 alle 23:25 :

    Soltanto chi in maniera disperatamente eroica vuole tutto questo, un ritorno a scuola che è la fonte e il bacino dei contagi. perchè non tacete? Rispondi a G.T.

    Maria P. ha scritto il 17 gennaio 2021 alle 11:01 :

    Un altro virologo improvvisato, ci piacerebbe sapere a quale studio epidemiologico si rifà per sostenere, come fa Emiliano, che la scuola è fonte di contagio. Luoghi comuni e tesi senza sostegno. Rispondi a Maria P.

  • Maria P. ha scritto il 16 gennaio 2021 alle 19:29 :

    La didattica a dstanza è altamente diseducativa. Solo chi non conosce la scuola può dire che serve. Rispondi a Maria P.

  • Franco ha scritto il 16 gennaio 2021 alle 09:34 :

    Emiliano continua a ripetere che per contenere i contagi deve tenere chiuse le scuole. Smentito in questo anche dal Comitato Tecnico Scientifico non solo dai genitori pugliesi che stanno rimandando in massa i loro figli a scuola. Quanto durerà il balletto? Rispondi a Franco