La nota

Piano nazionale infanzia, Ruggiero (M5S): “Monitorare distribuzione omogenea dei servizi”

Livello minimo di servizi da garantire a livello nazionale, per non lasciare nessun territorio indietro

Politica
Bitonto giovedì 14 ottobre 2021
di La Redazione
Scuola dell'infanzia
Scuola dell'infanzia © n.c.

Il 21 maggio scorso l’Osservatorio nazionale per l’infanzia e l’adolescenza ha approvato il 5° Piano nazionale di azione e di interventi per la tutela dei diritti e lo sviluppo dei soggetti in età evolutiva. Il Piano è strutturato in tre aree d’intervento: Educazione, Equità, Empowerment (potenziamento), ciascuna composta da obiettivi generali e azioni specifiche.  

Per l’adozione definitiva del Piano sono necessari ulteriori passaggi formali: il parere dell’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza e quello della Commissione parlamentare per l’infanzia e l’adolescenza, della Conferenza unificata e alla deliberazione in Consiglio dei ministri, per terminare con l’adozione con decreto del Presidente della Repubblica.

 “Il nuovo Piano nazionale Infanzia e Adolescenza – commenta la deputata bitontina M5S Francesca Anna Ruggiero, componente della Commissione Infanzia e Adolescenza, a margine della discussione sul piano – è un ottimo schema di sostegni per i più piccoli, soprattutto dopo le conseguenze negative della pandemia che si sono ripercosse inevitabilmente sui minori. Ora l’obiettivo è impegnarsi per definire i Livelli Essenziali delle Prestazioni anche in questo ambito, di cui l’incardinamento nella nota di aggiornamento al Documento di Economia e Finanza relativamente agli asili nido è già una svolta epocale, attesa da oltre vent’anni”.

“Se le aree d’intervento – continua – sono giuste e vanno inquadrate in un contesto di potenziamento del welfare familiare, che poggia anche su novità importanti come l’assegno unico universale e incentivi al lavoro femminile, bisogna sempre tenere a mente che i servizi vanno erogati in maniera omogenea su tutto il territorio, con l’obiettivo di aggredire efficacemente i problemi che ostacolano uno sviluppo sano e positivo dei più piccoli”.

“Un livello minimo di servizi distribuito a livello nazionale è una prerogativa ineludibile, se vogliamo affrontare queste criticità in maniera organica, senza lasciare nessun territorio indietro”, conclude la deputata bitontina.

Lascia il tuo commento
commenti