Il prossimo 26 maggio

Elezioni europee, le mozioni proposte da Michele Abbaticchio

Il sindaco di Bitonto è il candidato di Italia in Comune - +Europa nella circoscrizione sud

Politica
Bitonto giovedì 23 maggio 2019
di La Redazione
Abbaticchio
Abbaticchio © n.c.

In vista delle elezioni europee, riceviamo e pubblichiamo le idee programmatiche di Michele Abbaticchio, candidato di Italia in Comune-+Europa nella circoscrizione sud (Abruzzo, Molise, Campania, Calabria, Basilicata, Puglia).

1. ANTIMAFIA SOCIALE come materia scolastica obbligatoria.

La criminalità organizzata è un cancro che va sconfitto su più fronti, con misure repressive e patrimoniali. Prima di tutto, però, bisogna agire nelle coscienze, educando fin da piccoli i cittadini a rifiutare la cultura dell'illegalità e della sopraffazione, dando loro gli strumenti per una piena consapevolezza dei valori civici e delle cause sociali che, se non rimosse, determinano il consenso nei confronti delle mafie.

2. CONTRASTO ALLA POVERTA' garantendo costituzionalmente il DIRITTO ALLA CASA.

Sono ancora centinaia di migliaia gli italiani che rischiano lo sfratto perché non sono in condizione di permettersi un'abitazione. La Carta dei diritti fondamentali dell'Unione Europea prevede, all'articolo 34.3, che "l'Unione europea riconosce e rispetta il diritto alla casa e all'housing sociale". Questo diritto va reso effettivo e recepito nella nostra Costituzione. Occorre inoltre ampliare le possibilità per i Comuni di impiegare disoccupati per lavori di pubblica utilità.

3. PER OGNI MIGRANTE ACCOLTO, UN DISOCCUPATO DEL SUD ASSUNTO.

Finanziamenti per i Comuni che attuano progetti di riutilizzo di beni dismessi in zone ad alto tasso di disoccupazione, con affidamento a cooperative che impieghino per il 50% migranti e per il 50% disoccupati del posto. Accoglienza indiscriminata degli stranieri e chiusura dei porti sono entrambe misure irragionevoli: l'unica strada percorribile è la solidarietà a misura delle nostre comunità, facendo attenzione a non scatenare guerre tra poveri e dando lavoro al Sud fondati attraverso l'integrazione.

4. VALORIZZARE I PRODOTTI TIPICI DEL SUD e salvaguardare le nostre eccellenze, non equiparabili ai prodotti importati dalla bassa qualità organolettica. Da anni nei nostri Comuni sono partiti processi virtuosi di valorizzazione di tipicità come l'olio, il vino, l'uva da tavola, eccetera. Occorre intervenire a livello legislativo per restituire potere contrattuale ai nostri coltivatori, spesso schiacciati dalle multinazionali e dalla grande distribuzione.

5. Attivare misure per INFRASTRUTTURARE e alimentare con energie rinnovabili le nostre ZONE INDUSTRIALI.

Per combattere la disoccupazione, la via maestra è pianificare e mettere al primo posto lo sviluppo industriale delle nostre regioni, studiando i fabbisogni delle nostre aree produttive e cogliendone le vocazioni. Tuttavia, questa azione è ormai assente dall'agenda politica. Finanziando strade e servizi per nuovi insediamenti industriali si possono attrarre imprese.

6.Sostenere la conoscenza dell'INDUSTRIA 4.0 negli istituti tecnici superiori e nei centri di formazione. Promuovere le fondazioni, i titoli di studio, facilitare il riconoscimento dei CFU conseguiti nel percorso scolastico o accademico.per qualificare la manodopera e tentare di colmare il gap fra mondo dell’istruzione e mondo del lavoro.

7. Istituire la misura "EUROPE FOR WORKERS" per consentire scambi di informazione tra lavoratori sui temi della sicurezza sul lavoro e dei diritti dei lavoratori.

8. Promuovere misure di ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE in tutti i campi, compreso quello culturale, incentivando prestazioni professionali di artisti, musicisti e attori disponibili a esibirsi per persone con difficoltà motorie impossibilitate a partecipare a spettacoli dal vivo. Oltre che per i destinatari, questi progetti servirebbero a garantire un'integrazione di reddito per i tanti giovani artisti meridionali.

9. Favorire il RITORNO DEI CERVELLI in FUGA, attraverso bandi che promuovano progetti di integrazione tra i giovani laureati emigrati in altre aree d'Europa e le comunità locali.

10 Introdurre il divieto delle ESPOSTAZIONI DI ARMI verso i Paesi in stato di guerra.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • giuseppe depalo ha scritto il 23 maggio 2019 alle 10:59 :

    SPERIAMO CHE NON SI RISOLVA IN UN FLOPP NON RAGGIUNGENDO IL 4% E, COSI', FACENDO L'ENNESIMO FAVORE AI GRILLINI E LEGHISTI. LA SINISTRA HA SEMPRE AVUTO LA VOCAZIONE ALL'AUTO DISTRUZIONE. COSI', ANZICHE' RAFFORZARE IL PARTITO CHE PUO' FRONTEGGIARE L'URTO, SI E' SCELTO DI DIVIDERSI ULTERIORMENTE IN GRUPPI VOTATI ALL'INSIGNIFICANZA. OVVIAMENTE SONO SOLO PREOCCUPAZIONI DI BUON SENSO. AUGURO A TUTTI DI SUPERARE IL QUORUM COSI' ALMENO NEL PARLAMENTO EUROPEO NON CI SIANO SOLO LEGHISTI, LEPENIANI E SOVRANISTI VARI. Rispondi a giuseppe depalo

    Marco ha scritto il 23 maggio 2019 alle 16:21 :

    Semmai il favore ai grillini glielo fa il Pd presentandosi col simbolo dimezzato e concesso a siamoeuro-pay di Calenda. O le notizie del finanziamento a +Europa da parte dello speculatore finanziario George Soros. Rispondi a Marco

    Marco ha scritto il 23 maggio 2019 alle 13:14 :

    Magari dovresti augurarti anche di capire come mai in Europa aumentano i cosiddetti "sovranisti" termine dispregiativo col quale vengono liquidati milioni di cittadini poco o nulla soddisfatti dalle politiche economiche di austerità che hanno portato la crisi invece che risolverla. Noi non abbiamo mai potuto votare l'ingresso in Europa, lo hanno fatto per noi Prodi, Monti e comoagnia cantante. Gli inglesi chiamati al referendum hanno detto in maggioranza "Leave". Qui potrebbe essere tradotto in " livt' da 'nannz" Rispondi a Marco

  • Franco ha scritto il 23 maggio 2019 alle 10:00 :

    Mozioni che non emozionano. +Europa al sud vuol dire + povertà -lavoro e tagli. L'Europa ha fallito, ricordarla con il nome del proprio simbolo di partito può essere controproducente. Rispondi a Franco