Il 5 settembre una manifestazione per ricordare la morte del sindaco Vassallo

‘Marcia per Angelo’, Italia in Comune sarà presente

Abbaticchio: «Il senso non è solo mantenere viva la memoria di un amministratore che non si è piegato all’illegalità, ma anche scongiurare vivamente l’archiviazione delle indagini prevista a febbraio»

Politica
Bitonto martedì 09 luglio 2019
di La Redazione
Angelo Vassallo
Angelo Vassallo © n.c.

Anche Italia in Comune sarà presente alla ‘marcia per Angelo’, prevista il prossimo 5 settembre ad Acciaroli, la maggiore frazione del comune di Pollica, in provincia di Salerno

La data è simbolica: in quella stessa giornata del 2010, Angelo Vassallo, sindaco del comune di Pollica, veniva, infatti, ucciso in un attentato la cui sospetta matrice camorristica è tuttora oggetto di indagini da parte della magistratura.

Il fratello Dario che, con la Fondazione Angelo Vassallo di cui è presidente, ha organizzato la manifestazione, ha parlato di un evento per “raccogliere la Verità”; quella verità che, ancora, dopo nove anni, la famiglia di attende.

«E non solo loro - ha commentato Rosario Cusmai, segretario regionale di Italia in Comune Puglia e consigliere comunale di Foggia - La famiglia, sicuramente, ha diritto a ottenere giustizia e verità ma sono anche tanti gli amministratori che ‘sono dalla parte di Angelo’, che si sentono chiamati in causa da questo avvenimento tragico, che sanno che, al posto di Angelo, poteva esserci chiunque di noi».

«Il senso - ha fatto eco Michele Abbaticchio, sindaco di Bitonto e vicecoordinatore nazionale del partito - non è solo mantenere viva la memoria di un amministratore che non si è piegato all’illegalità, ma anche scongiurare vivamente l’archiviazione delle indagini prevista a febbraio. Con la marcia per Angelo vorremmo chiedere vivamente alla Magistratura e alle forze dell’ordine di proseguire nell’attività di ricerca di prove utili per rintracciare i responsabili. Diversamente, avranno vinto loro e ogni amministratore onesto non può rassegnarsi a questa eventualità».

Lascia il tuo commento
commenti