La nota

Sinistra Italiana Bitonto: "Troppe antenne sul territorio cittadino"

L’ultimo impianto segnalato da un cittadino è quello di via Francesco Paolo Luiso angolo via General Cantore, in pieno centro cittadino

Politica
Bitonto lunedì 19 ottobre 2020
di La Redazione
Un antenna
Un antenna © n.c.

Riceviamo e pubblichiamo nota a firma di Sinistra Italiana Bitonto:

"Iniziano ad essere sin troppi gli impianti per la diffusione delle telecomunicazioni (cd antenne) installati sul territorio cittadino e la popolazione giustamente è allarmata da tanta proliferazione. L’ultimo impianto segnalato da un cittadino è quello di via Francesco Paolo Luiso angolo via General Cantore, in pieno centro cittadino.

Non vogliamo disquisire sulla legittimità di tale installazione, esiste una legge regionale del 2002 e un regolamento regionale del 2006 che disciplinano i criteri e le modalità da seguire per il rilascio delle autorizzazioni.

Si presume, dunque, che l’autorizzazione sia stata preceduta dal parere vincolante di ARPA Puglia, oltre tutto il monitoraggio ed il controllo dell’attività post installazione è un obbligo sia per il Comune che per la medesima Agenzia Regionale.

Quello di cui ci interessa dissertare è il motivo per cui una amministrazione che nasce con il proposito della protezione dell’ambiente non si sia dotata di quel piano comunale, previsto dalla legge regionale, per disciplinare il corretto insediamento urbanistico e territoriale di siffatti impianti, al fine di minimizzare l'esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici.

Esiste una giurisprudenza ormai consolidata che attribuisce una specifica competenza ai Comuni nel disciplinare l’uso del territorio anche in tema di salvaguardia dall’esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici.

L’esercizio del potere regolamentare costituisce funzione della potestà urbanistica e dunque la formazione di un regolamento autonomo o ancora meglio l’innesto di una specifica disciplina delle installazioni impiantistiche all’interno del redigendo PUG (Piano urbanistico generale) consentirebbe una corretta localizzazione per l’insediamento degli impianti per la diffusione delle telecomunicazioni che consentirebbe di minimizzare l’impatto estetico e territoriale nonché minimizzare e rendere uniforme l’esposizione dei cittadini bitontini ai campi elettromagnetici".

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • giuseppe depalo ha scritto il 19 ottobre 2020 alle 17:03 :

    VOGLIAMO LA TECNOLOGIA E TUTTE LE COMODITA' CHE LA TECNOLOGIA OFFRE E DUNQUE DOBBIAMO TENERCI LE ANTENNE. E' INUTILE SOFISTICARE SULL'ESTETICA, SUI CAMPI ELETTROMAGNETICI ECC.ECC. SI TRATTA DI ACCETTARE LA REALTA' E NON , COME MOLTI ITALIANI FANNO, PRETENDERE PER ESEMPIO OSPEDALI EFFICIENTI E POI SOTTRARSI AL PAGAMENTO DELLE TASSE. BASTA COL PARASSITISMO CHE CONSENTE DI VIVERE A SPESE DEGLI ALTRI. ONESTA' ONESTA' ONESTA' IN TUTTO, MA NON QUELLA PREDICATA DAI GRILLINI DI QUALCHJE ANNO FA QUANDO CI SI LAMENTAVA DI TUTTO A CAPO DI CANE. ORA CHE STANNO AL GOVERNO INFATTI CON LA TIPICA FACCIA DI PIETRA LIVIDA (COME DICIAMO NOI BITONTNI) VOGLIONO COLLABORAZIONE SULLE COSE VARATE DALLE MENTI ECCELSI DEL BLOG.... Rispondi a giuseppe depalo