Cosa fare in Puglia il 30 aprile ed il primo maggio? Ecco gli appuntamenti

Sotto il ponte ci son tre bombe: Premio maggio, concertone di Taranto e mostre

Grandi artisti sia a Bari che a Taranto, due appuntamenti in musica imperdibili. Ma è anche tempo di fiere ed eventi per le famiglie. Ultimi giorni di festa ad Altamura con Federicus

Bitonto lunedì 30 aprile 2018
di Donato De Ceglie
Willie Peyote, ospite del Premio maggio
Willie Peyote, ospite del Premio maggio © Tranilive.it

La Festa del Lavoro in Italia è musica. Lo è dal primo concerto organizzato dai sindacati Cgil, Cisl e Uil a Roma nel 1990. Continua ad esserlo tutt'oggi ma gli appuntamenti musicali, "liberi e pensanti" si sono moltiplicati. La Puglia ne offre due, entrambi imperdibili: il Premio maggio del 30 aprile sera presso l'Arena della Pace di Bari (Ipercoop di Japigia) sostenuto dalla Cgil ed il concertone di Taranto organizzato dal comitato "Liberi e Pensanti" grazie ad una campagna di crowdfunding.

Premio Maggio - Bari. Scaletta e info
La settima edizione del festival che si svolge all’interno dell’Arena della Pace di Bari (presso l’Ipercoop di Japigia) come ogni anno ospiterà artisti di punta del panorama indie italiano ed europeo: Erica Mou, Joan Thiele, Colapesce, Willie Peyote e Clap Clap saranno protagonisti di un’edizione caratterizzata dalla festa e dall’unione dei suoni del mondo nella musica italiana al di là di ogni barriera ed etichetta. Dalle 18.30 di lunedì 30 aprile sarà disponibile un'area espositiva con vari stand. A seguire, a partire dalle 20, sul palco si alterneranno i seguenti artisti.

La splendida voce di Erica Mou rappresenterà la Puglia che suona nel concertone di quest’anno: il suo nuovo disco “Bandiera sulla luna” (pubblicato dall’etichetta milanese Godzillamarket con distribuzione Artist First) è un album ispirato, dedicato alla conquista di nuovi spazi interiori. Un album che segna un nuovo inizio, come la primavera e i suoi cambiamenti. Di origini metà italiane e metà svizzero-colombiane, Joan Thiele è cresciuta tra Cartagena e l’Italia e porterà sul palco dell’Arena della Pace un soul meticcio, tra groove funky e atmosfere synth pop. Fin dall’infanzia ha trascorso una vita nomade che le ha regalato un gusto musicale internazionale.

Dalla Sicilia, avamposto di cultura tra i popoli mediterranei, sul palco del concertone arriva anche Lorenzo Urciullo, in arte Colapesce, con il suo terzo album “Infedele” (42 Records), testimonianza dell’evoluzione e del “tradimento” di un’artista che non può ascriversi a nessuna parrocchia, “neanche a quella del mondo indie” e capace di ricalibrare le coordinate dell’intera scena italiana ad ogni nuova uscita.

Da Torino arriva Guglielmo Bruno, in arte Willie Peyote, con il proprio inno alla libertà d’espressione e di comunicazione al tempo della tecnocrazia, come cantato nella “Sindrome di Tôret” (uscito per l’etichetta 451 con distribuzione Artist First), il suo ultimo disco, seguito del fortunato “Educazione Sabauda”, che lo ha affermato come astro crescente del panorama musicale nazionale e che dal vivo esplode con una grande live band. Irriverente, ironico e mai convenzionale, Willie Peyote si discosta dal diffuso stereotipo del rapper riuscendo a conquistare platee inizialmente lontane dal genere, come dimostrato dal suo nuovo trionfale tour. La chiusura del concertone sarà affidata a Clap! Clap! con i mille cieli di “A thousand skies”, disco a metà strada tra la terra e il cielo, tra house, world music, elettronica e jazz.

Primo maggio - Taranto. Scaletta e info
Come gli altri anni tutti gli artisti che comporranno il cartellone del Primo Maggio di Taranto lo faranno gratuitamente per sostenere i temi del concerto, ma le spese per vitto, alloggio e soprattutto sicurezza sono comunque notevoli. “I costi del concerto sono tanti e non possiamo sostenerli da soli” hanno scritto gli organizzatori capitanati dall’attore Michele Riondino, da Roy Paci e da Antonio Diodato, per l’evento presso il Parco delle Mura Greche di Taranto. Ecco la lista ufficiale degli ospiti dell'evento che partirà alle ore 14: Brunori Sas; Noemi, Emma Marrone, Levante, Irene Grandi, Ghemon, Piotta, Frenetik & Orang3, Colapesce, Meganoidi, Modena City Ramblers, Fido Guido, Teresa De Sio, Coma_Cose, Mezzosangue, Bud Spencer Blues Explosion, Luca De Gennaro, Lacuna Coil, Mama Marjas, Francesco Di Bella, Terraross, Med Free Orchestra.

Il concerto si terrà al Parco archeologico delle Mura Greche, che si trova in via Giacomo Lacaita. Per raggiungerlo basterà attrezzarsi con i principali mezzi pubblici che si fermano proprio di fronte al parco; un posto meraviglioso da visitare, una zona con reperti archeologici testimoni del glorioso passato di Taranto.

Unesco in musica. Appuntamento ad Andria

Anche la Puglia partecipa a Unesco in musica con l’Associazione “Nel Gioco del Jazz”, scelta come unica rappresentante della regione. Per l’occasione lunedì 30 aprile, alle 21,00 a Castel del Monte, l’Associazione organizza un concerto con il ‘Roberto Ottaviano Quarktet’ composto, oltre che dal noto sassofonista, da Alexander Hawkins, piano, Stefano Senni, basso e Zeno De Rossi, batteria. Ospite della serata Marco Colonna, clarinetti.

Per l’intero ponte

Tanta, tantissima arte nelle nostre città. Se si ha voglia di un weekend al mare, si può unire “il culturale” al dilettevole. A Polignano continua infatti fino a settembre l’omaggio a Pino Pascali, a 50 anni dalla sua morte, con la mostra Dialoghi 3.0, mentre nel Castello di Monopoli si celebra il meraviglioso mondo di Joan Mirò, con le sue “Opere grafiche 1948-1974”.

A Bari, nella galleria Muratcentoventidue, “Looking Out Looking In”, originale esplorazione collettiva sul concetto di finestra. In mostra i lavori di Giulia Caira, Lydia Dambassina, Georgie Friedman, Kristina Kvalvik-Simon Möller, Margarida Paiva ed Helena Wittmann. Se siete in città, non potete non fare un salto a visitare il “World Press Photo”, che raccoglie le migliori immagini del fotogiornalismo mondiale, compresa la vincitrice dell’edizione 2018.

Collettiva anche al Torrione Angioino di Bitonto, che ospita “El Sensible”, nata dalla collaborazione del centro culturale “Mariarte” con la compagnia teatrale “Okiko the Drama Company”.

A Barletta, il recente film “Wonder” di Stephen Chbosky ha ispirato "Passare inosservato", la mostra di Giorgio Calza, Francesco Murgia, Elio Uberti e Sergio Zeriali. È visitabile nel centro culturale Zerouno di via Indipendenza 27.

Negli spazi angusti dei sotterranei di via La Pergola, tra le claustrofobiche pareti in cemento e l’eco di un passato lontano, Corato accoglie invece “Bunker”, l’esposizione delle opere di Alexander Larrarte che diventerà poi un film/documentario diretto da Alessandro Piva.

A Lecce fino al primo maggio è visitabile Externa, Fiera Nazionale dell’Arredo degli Spazi Esterni. Giunta alla sua 9° edizione, è la più importante rassegna del Sud Italia sull’arredamento da esterni che si conferma, anno dopo anno, punto di riferimento del settore e strumento per le aziende che trovano in essa uno straordinario veicolo di promozione. Basti pensare che l'edizione 2017 ha registrato la presenza di oltre 20 mila visitatori e professionisti del comparto. La manifestazione promuove e favorisce le economie del territorio, affiancando all’esposizione degli incontri formativi curati dagli Ordini professionali degli Architetti PPC e dei Dottori Agronomi e Forestali della Provincia di Lecce, oltre a rinnovare la collaborazione di stage con gli alunni dell’Istituto A. De Pace di Lecce.

Ad Altamura è in corso la Festa medievale Federicus. Federicus 2018 sviluppa la seconda tematica del programma triennale “Le donne e' cavalier, li affanni e li agi”. Dall'atmosfera languida degli amori cortesi si passa a scenari più impegnativi e drammatici che sanno di stridore di spade in battaglia, di lamento di miseria e carestia, di sudore nelle fucine o nei campi. Dai pulpiti tuoneranno le voci di predicatori che invitano a ritornare alla povertà del Vangelo, nei lebbrosari si assisterà al balletto di “sora nostra morte corporale”, mentre cerusici e frati porteranno cure e consolazioni ad emarginati di ogni sorta.

Ovunque il visitatore respirerà l'aria solenne della storia, ma anche toccherà con mano la leggerezza necessaria di una festa nei quarti con i loro vicoli, colori, racconti e attrazioni; i cortei con i personaggi poveri e nobili, divertenti e seri, laici e religiosi, grandi e bambini che vi attendono per quattro giorni fuori dal tempo.

A Bitetto invece il primo maggio si terrà la ventesima edizione del Mercato Medioevale e del Corteo Storico 1 maggio 2018. "Frammenti di Vita al tempo di Fra Giacomo" con la XX Edizione del Corteo storico Medievale. Alle 16.30 avvio del corteo dalla chiesa di Santa Maria La Veterana e alle 18.00 spettacoli in Piazza Aldo Moro. Alle 21.00 la conclusione presso il Santuario del Beato Giacomo.

Lascia il tuo commento
commenti