A Roma, presso Palazzo Rospigliosi, sono state premiate tutte quelle figure e realtà straordinarie del “Made in Italy”

″Il viaggio attraverso le eccellenze″, premiato a Roma il maestro pizzaiolo Vincenzo Florio

L’iniziativa, nata grazie all’associazione nazionale "Doc Italy", nasce con la missione di promuovere l’Italia e le sue eccellenze

Bitonto sabato 08 dicembre 2018
di La Redazione
"Il viaggio attraverso le eccellenze", premiato a Roma il maestro pizzaiolo Vincenzo Florio © n.c.

I riflettori si sono accesi: a Roma, presso Palazzo Rospigliosi, sono state premiate tutte quelle figure e realtà straordinarie del “Made in Italy”.

"Il viaggio attraverso le eccellenze" è la denominazione del riconoscimento conferito ai nuovi ambasciatori del gusto doc italiano.

L’iniziativa, nata grazie all’associazione nazionale "Doc Italy", nasce con la missione di promuovere l’Italia e le sue eccellenze, dall’agroalimentare alla moda, dall’arte all’artigianato, dal turismo alla cultura, dal giornalismo alla ricerca, dal management allo sport. Una vetrina internazionale dove far rivivere o conoscere usi, costumi e tradizioni della nostra straordinaria penisola.

Due i premiati in Puglia: il prestigioso riconoscimento è andato per la provincia di Bari al maestro pizzaiolo Vincenzo Florio e per la provincia di Taranto al maestro pizzaiolo Vito Fuggetti.

Per Florio sono tanti i progetti in cantiere, compreso un evento in Costa Rica, dove il maestro ha fondato la scuola "International Pizza Academy" che sta dando lavoro a tanti giovani che in questa maniera si avvicinano al made in Italy e alle sue eccellenze.

«Con questo conferimento abbiamo voluto premiare le eccellenze e raccontare la passione, l’impegno, i sacrifici che hanno caratterizzato la vita di ogni singolo premiato» spiegano gli organizzatori. «La nostra filosofia è quella di individuare, promuovere e gratificare i protagonisti che conferiscono un contributo di valore al nostro paese rendendolo noto nel mondo, riscoprendo il senso d’appartenenza dell’eccellenza creativa e dell’identità nazionale».

Lascia il tuo commento
commenti