Regia di Marcello Cotugno

Da Bitonto a Beirut: oggi i fratelli Capitoni sbarcano a Beirut

“Non chiamateli briganti” degli attori baresi De Vita e Mancini, spettacolo prodotto dal Comune di Bitonto, oggi rappresenterà l’Italia al Festival Internazionale di Teatro di Beirut

Spettacolo
Bitonto mercoledì 09 ottobre 2019
di La Redazione
I fratelli Capitoni
I fratelli Capitoni © n. c.

Grande risultato per i fratelli Capitoni, interpretati da Mimmo Mancini e Paolo De Vita, che oggi arrivano a Beirut con lo spettacolo “Non chiamateli briganti”. Dopo aver girato il Sud Italia per tutta l’estate, raggiunge il cuore del Medio Oriente per partecipare al Festival Internazionale del Teatro, dove rappresenterà l’Italia tra i vari paesi europei. Al Madina Theatre di Hamra, a Beirut, andrà in scena la storia dei fratelli Carlo e Cosimo Capitoni che, con ironia e disincanto, raccontano quella attitudine al trasformismo politico, ideologico e sociale che da sempre contraddistingue il popolo italiano.

Lo spettacolo è stato scritto ed è interpretato da Mancini e De Vita, ed è diretto dal regista Marcello Cotugno. Prodotta dal Comune di Bitonto, ha debuttato proprio al Teatro Traetta di Bitonto a gennaio scorso.

La storia narra di due fratelli, uno contadino, l’altro pastore, e si svolge nelle campagne tra la Puglia e la Campania tra il 1859 e il 1863. Poco prima della proclamazione dell’Unità d’Italia, dopo essere stati accusati ingiustamente di un furto di pecore dal mezzano Pasquale Volturno, i fratelli Capitoni sono costretti a darsi alla macchia. Briganti per forza e non per vocazione, si trovano così ad attraversare un repentino e doloroso cambiamento che non segna solo la loro esistenza, ma investe, parallelamente, l’identità e la storia del nostro paese. In una serie di eventi tragicomici, i due personaggi si trasformeranno da briganti improvvisati a garibaldini inconsapevoli, subiranno un processo per la battaglia del Volturno e verranno condannati alla fucilazione dall’esercito borbonico. Saranno fortunosamente liberati dai garibaldini durante l’assedio di Gaeta per poi perdere le rispettive tracce proprio a seguito di quella battaglia. Una volta separati, l’uno finirà con scegliere (questa volta coscientemente) di proseguire sulla strada del brigantaggio, l’altro deciderà di asservirsi al nuovo Regno Sabaudo. Alla fine anche i due protagonisti, così come l’Italia, si ritroveranno uniti, ma più per convenienza che per slancio patriottico.

I due attori baresi, nonostante il grande curriculum alle spalle, si dicono emozionatissimi di poter portare il loro spettacolo anche a Beirut: “Siamo pervasi da molte emozioni”, dicono Mimmo Mancini e Paolo De Vita. “Anche per due attori navigati come noi la vita riserva sempre delle sorprese, ed essere chiamati ad interpretare uno spettacolo a cui teniamo moltissimo, che abbiamo creato e studiato nei dettagli, ci fa enormemente piacere. Speriamo di poter avere parte del nostro pubblico a Beirut, presente anche solo con il cuore, e di conquistare la platea del Festival. Con questo spettacolo vogliamo aprire la strada a una lettura critica dell’epica nazionale, per mettere in dubbio un’interpretazione manichea della storia, per intaccare le nostre certezze, e chissà che nonostante i diversi percorsi storici, le due diverse culture non possano incontrarsi sulla stessa idea di libertà e negli stessi intoppi tragicomici che i protagonisti saranno costretti ad affrontare”.
Lascia il tuo commento
commenti