Brazilian Jiu-Jitsu

Destinazione Abu Dhabi per il team Koifit Bitonto

Dopo i cinque ori conquistati un mese fa ad Ostia, gli atleti della palestra bitontina si preparano ai Mondiali negli Emirati Arabi

Altri Sport
Bitonto domenica 31 ottobre 2021
di Mariella Vitucci
Team KoiFit Bitonto di Brazilian Jiu-Jitsu
Team KoiFit Bitonto di Brazilian Jiu-Jitsu © n.c.

Cinque ori nelle gare del 2 ottobre scorso ad Ostia dell'AJP Europe Tour di Jiu-Jitsu: è il bottino che hanno portato a casa gli atleti della KoiFit Bitonto. Sul gradino più alto del podio sono saliti Nicola Lomangino (39 anni, bitontino, maestro cintura marrone di Brazilian Jiu-Jitsu e cotitolare della palestra KoiFit); Nicola Milone, 49 anni di Santo Spirito; Francesco Mininni, 40 anni di Molfetta; Dario Shahvandi, 34 anni di Palese; Pierluca Terlizzi, 34 anni di Bitonto.

In collaborazione con la Fijlkam (Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali), il circuito professionale AJP (AbuDhabiJiuJitsuPro) ha portato ad Ostia il meglio del Jiu-Jitsu europeo: iscrizioni sold-out e 650 atleti da ogni parte del globo. ⠀

Con le medaglie conquistate il 2 ottobre, il team KoiFit ha strappato il pass per i Mondiali negli Emirati Arabi. L'Abu Dhabi World Professional Jiu-Jitsu Championship, massima competizione mondiale, avrà luogo dal 14 al 19 novembre ad Abu Dhabi: sei giorni di arti marziali con la partecipazione di oltre 4mila atleti da più di 90 Paesi.

Per affinare la preparazione, gli atleti KoiFit si stanno allenando con il maestro brasiliano cintura nera Rodrigo Silva del Team Checkmat, associazione internazionale di Brazilian Jiu-Jitsu. “Stiamo lavorando sodo. L'apporto del maestro Silva è importante per definire tecnica e approccio alla competizione che ci aspetta”, spiega Lomangino.  

Con 120 metri quadrati di tatami su un totale di mille metri quadrati al coperto, la Koifit in viale delle Nazioni, nella zona artigianale, è diventata il punto di riferimento per le arti marziali a Bitonto. Da settembre ha aggiunto una punta di diamante al suo team: il maestro Vito Spartano, istruttore di MMA e karate, che ha portato con sé circa cinquanta allievi, una quindicina dagli 8 ai 13 anni e un gruppo più nutrito nella fascia 15-24.

“Con Vito ci conoscevamo da tempo, c'è sempre stata stima reciproca e finalmente abbiamo stretto questa collaborazione sportiva”, dice soddisfatto Nicola Lomangino.

“Alla KoiFit si lavora bene. Il bilancio di queste prime settimane è più che positivo”, gli fa eco Spartano.  

Barese, 52 anni, sposato con una bitontina e padre di due giovanissimi atleti, Samuele e Mathias, Vito Spartano pratica le arti marziali dall’età di 14 anni e le insegna a Bitonto dal 1996. Arbitro federale nazionale di karate, più volte campione italiano regionale, medaglia di bronzo ai Campionati italiani, ha smesso di gareggiare nel 2002 ma non ha mai interrotto gli allenamenti, anche perché il suo lavoro di agente della security richiede una preparazione fisica costante. È stato coordinatore della sicurezza durante le riprese dell’ultimo “James Bond” a Matera, e responsabile del terzo anello della sicurezza durante la visita di papa Francesco a Bari nel 2020.

“Amo il mio lavoro e non lo cambierei con nessun altro”, afferma. Nella professione, come nello sport, un solo faro: la disciplina. “È lo stesso approccio che ho trovato alla KoiFit, e sono convinto che il team di Nicola Lomangino saprà dare il meglio di sé ad Abu Dhabi”.

Lascia il tuo commento
commenti