Mercoledì la sfida con la Sangiovannese

Polisportiva macchina da guerra. Corsara anche in Calabria: 1-6

Prestazione ottima delle leoncelle, che restano imbattute

Calcio
Bitonto lunedì 11 gennaio 2021
di Danilo Cappiello
Le ragazze della Polisportiva Bitonto
Le ragazze della Polisportiva Bitonto © n.c.

Quanta bellezza.

Non conosce vento sfavorevole il meraviglioso viaggio in serie A2 della Polisportiva Bitonto femminile, che anche in terra calabra lascia sventolare fieramente al centro del terreno di gioco la bandiera coi colori nero e verde.

Colori che sempre più rappresentano un movimento in continuo crescendo, come quello futsal sia maschile che femminile ma che, più di tutto, racchiudono un mix perfetto di capacità tecniche, tattica e coraggio sportivo, che si specchiano perfettamente nella rete capolavoro della peruviana Grecia Fontela, il cui destro al volo direttamente da calcio d’angolo, si candida di prepotenza come uno dei goal più belli dell’intera stagione.

Tre punti che consentono alle neroverdi di restare imbattute nel torneo e di presentarsi nel migliore dei modi alla sfida di mercoledì, sempre in terra calabra, contro la Sangiovannese.

 

LA PARTITA

Gara messa in ghiaccio già nella prima frazione di gioco per le leoncelle le quali, dopo aver subito la fase di avvio migliore da parte delle giocatrici di casa, al primo vero affondo hanno colpito con la brasiliana Brenda Moreira la quale, a tu per tu col portiere, ha mantenuto la sua conseuta freddezza glaciale ed ha portato in vantaggio le proprie compagne per lo 0-1 Bitonto.

Il raddoppio è stato servito pochi minuti più tardi dalla stessa posizione, questa volta però a spedire il cuoio in fondo alla rete è stata l’olandese Loth con una chirurgica conclusione di destro.

Prima dell’intervallo, c’è stata gloria anche per Alba Diaz, la quale ha raccolto un assist dalla destra, ed ha depositato comodamente in rete la palla dello 0-3.

Nella ripresa l’andazzo della gara non cambia e le neroverde piazzano anche il colpo del poker con Caciorgna che, servita da Loth, appoggia comodamente in rete la palla dello 0-4.

Ferito, ma non domo, il Cus Cosenza trova la rete della bandiera con una splendida conclusione acrobatica di Merante, sulla quale nulla può l’estremo in maglia arancio.

Il goal non sortisce alcun effetto sulla testa delle leoncelle, che prima del finale, mettono a segno alte due reti, entrambe per opera di Fontela.

La prima, con una classica azione in ripartenza in cui la peruviana riceve da Moreira e deposita comodamente in rete la sfera dell’1-5.

La seconda, con un autentico colpo d’autore che rappresenta per coordinazione, coraggio ed esecuzione, un vero e proprio spot per tutto il movimento sportivo femminile, calcio d’angolo dalla destra, palla sul secondo fuori dall’area di rigore, e destro al volo che bacia il palo e poi si adagia comodamente in rete per l’1-6 finale del Bitonto.

La ciliegina ad una torta che, di giornata in giornata, diventa sempre più invitante.

Lascia il tuo commento
commenti