Futsal

Il Bitonto ci mette l’anima ma passa l’Itria

I neroverdi creano tanto ma non concretizzano. Gli ospiti ringraziano e fanno 0-2

Calcio
Bitonto lunedì 18 ottobre 2021
di Danilo Cappiello
Futsal Bitonto-Itria 0-2
Futsal Bitonto-Itria 0-2 © Vincenzo Diliso

Il momento no.

Come tutti i fenomeni naturali sotto quella immensa e meravigliosa coperta di cielo, anche il momento delicato in casa Futsal Bitonto, così come ha avuto inizio, avrà una sua fine.

Momenti di quelli che le cose più elementari diventano le più articolate, i passaggi giusti sembrano quasi andar a vuoto, la porta trionfo dei vincenti si trasforma nel teatro dei perdenti, coi pali e le traverse che si vestono di mancata gloria e ghigno strafottente e con l’infermeria che diventa il posto più accogliente che mai.

Momenti, di quelli che vanno presi, guardati negli occhi, affrontati a petto in fuori ed a testa alta, per risalire la china e dare il via a qualcosa di tanto bello, quanto importante.

Cade dunque alla prima in casa il Futsal Bitonto che contro gli uomini brindisini, crea tanto, centra due pali, sbaglia due tiri liberi e poi regala due goal agli avversari.

Per gli uomini di mister Chiereghin ora, fondamentale sarà la pausa del prossimo sabato, per recuperare tutti gli uomini e dare il via ad un secondo inizio in questa stagione.

 

LA PARTITA

Mister Chiereghin sceglie di partire col cinque iniziale composto da Maggiolini, Rafinha, Acquafredda, Reyno e Lovascio.

L’avvio del Bitonto è ottimo con Acquafredda che dopo pochi secondi dal suono della sirena ci prova al volo dalla destra, trovando l’attenta risposta del portiere. Stessa sorte, per il tiro di Reyno dal susseguente angolo.

Al 4’ entra in partita l’Itria che ci prova dalla distanza con Bruno, trovando l’ottima risposta in angolo di Maggiolini.

Un minuto più tardi, il Bitonto è sfortunato con Reyno che calcia al volo da sinistra, colpendo il secondo palo da ottima posizione.

Al 12’ è ancora reattivo l’estremo ospite sul tiro dalla distanza di Lovascio col sinistro.

Sul capovolgimento di fronte, è invece superlativo Maggiolini a deviare in angolo il tiro di Fanelli da destra.

Al 15’ invece, solo il mancato cinismo dello spagnolo Araujo grazia il Bitonto, col giocatore che sul secondo palo quasi sulla linea di porta, calcia incredibilmente fuori.

Dal pericolo corso però, il Bitonto ha l’occasione di portarsi in vantaggio dal dischetto lungo, grazie al tiro libero concesso dal direttore di gara per la sesta infrazione commessa dall’Itria. Sul dischetto si presenta Reyno che prova a piazzarla, ma l’estremo ospite è bravo a coprire lo specchio e a deviare in angolo.

Al 17’ è ancora la sfortuna a fermare Reyno ed il Bitonto, col suo tiro al volo che viene deviato dal portiere e si stampa sulla traversa.

L’ultima occasione del primo tempo è ancora di marca Bitonto e porta la firma di Rafinha, che a tu per tu col portiere prova a superarlo con un pallonetto, ma è attento l’estremo ospite a bloccare la sfera e sventare la minaccia. All’intervallo è 0-0.

Nella ripresa mister Chiereghin inserisce Orlino per l’infortunato Rafihna, lasciando invariati gli altri quattro interpreti del quintetto.

A partire forte stavolta è l’Itria che ci prova su punizione, sulla quale è ottima la risposta in angolo di Maggiolini.

Al 3’ il Bitonto è ancora pericoloso con Lovascio che a tu per tu sul secondo palo alza troppo la mira e calcia alto su un ottimo assist di Acquafredda.

Passano due minuti ed ancora Lovascio, tutto solo davanti al portiere, non riesce ad inquadrare la porta calciando fuori.

Al 9’ è ancora pericolosa l’Itria con Araujo che ci prova col sinistro, trovando l’ottima riposta di Maggiolini.

Maggiolini, che nulla può sessanta secondi effettivi più tardi, quando da una palla persa a centrocampo l’Itria parte in contropiede e con lo stesso Araujo si porta in vantaggio per lo 0-1 ospite.

Il Bitonto accusa il colpo e due minuti più tardi dalla seconda palla persa di giornata, l’Itria si presenta due contro zero verso la porta avversaria e piazza il colpo dello 0-2 con Punzi.

Il Bitonto prova a tenersi aggrappato alla gara con le ultime energie rimastegli in corpo e si conquista il secondo tiro libero di giornata a cinque dalla fine.

Sul dischetto questa volta si presenta Lovascio, che prova a piazzarla nell’angolino basso, ma ancora una volta è reattivo il portiere che devia in angolo e sventa la minaccia.

Negli ultimi minuti di gara il Bitonto non riesce a trovare la scintilla per riaccendere la gara ed al fischio finale è 0-2 per l’Itria, che condanna il Bitonto alla sua seconda sconfitta consecutiva.

 

 

 

 

 

 

 

Lascia il tuo commento
commenti