Maxi stangata al Bitonto, addio "Città degli Ulivi"

Campo squalificato fino al 16 maggio, partita a porte chiuse e 5000 euro di multa

Calcio
Bitonto martedì 26 gennaio 2010
di Pasquale Scivittaro
©
La mano del giudice sportivo si abbatte fortissima sul Bitonto Calcio, dopo il fattaccio di domenica scorsa, quando dagli spalti fu lanciato un oggetto che colpì alla testa l'assistente dell'arbitro, il signor Sirsi di Lecce, provocando una ferita lacero contusa curata con due punti di sutura.

Infatti, alla vigilia del match infrasettimanale ad Ischia, una scure s'è abbattuta sulle sorti del gruppo guidato da Massimo Pizzulli.
Innanzitutto, la squalifica del campo fino al 16 maggio e l'obbligo di giocare in campo neutro e a porte chiuse fino a quella data.
Poi, non poteva mancare, la multa salata, 5000 euro, inflitta alla società. Un'ammenda pesante, considerati i mille sacrifici e salti mortali che i dirigenti neroverdi fanno quotidianamente per salvare il calcio bitontino.
D'altronde, però, c'era da aspettarselo che nel referto arbitro e assistenti calcassero la mano. E, siamo sinceri, era normale che fosse così.

A Francesco Cantatore, espulso a metà del primo tempo, tre giornate di squalifica, "per aver colpito con un calcio violento un avversario a terra, infortunato".
Inibizione, invece, per Vincenzo Cariello, anche lui allontanato dalla panchina durante il match.

Dunque, sarà molto più difficile salvarsi in queste condizioni.
Per colpa di qualche scellerato, per non voler usare bestemmie, i sacrifici fatti in questi mesi rischiano di essere stati vani.
A che serve cercare di far qualcosa di positivo a Bitonto se sono queste le risposte? Meditiamo e vergogniamoci.
Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • micot ha scritto il 30 gennaio 2010 alle 17:38 :

    Gaef, per favore cerca di scrivere almeno in Italiano stentato. Sei da mai dire gol. Gli errori arbitrali a favore del Bitonto non ce ne sono mai stati?Dico,ma non ti vergogni dinanzi al commento del signore che non puo' piu' portare il figlio allo stadio perché spaventato?Sei proprio incorreggibile. Rispondi a micot

  • antonio61 ha scritto il 28 gennaio 2010 alle 19:22 :

    Andate a Lourdes che ne avete bisogno, il calcio a Bitonto è finito e conbatterò che sia cancellato, mio figlio di 5 anni a pianto nel vedere le sceneggiate che avete fatto e non vuole andare più alla scuola calcio. V E R G O G N A T E V I ALTRO CHE ROMA CONTINUATE A FARE FIGURACCE Rispondi a antonio61

  • GAEF ha scritto il 28 gennaio 2010 alle 00:29 :

    FINIAMOLA DI FARE IL PROCESSO ALL'INTENZIONE ,IO SONO AD UN ALTRO PAESE E QUESTO NON SUCCEDE ,E DA CONDANNARE IL GESTO CHE A FERITO IL GUARDIALINEE NON LO METTO INDUBBIO MA E ANCHE DA CONDANNARE I TROPPI ERRORI ARBITRALI CHE VENGONO FATTI ALLA BITONTO CALCISTICA E SE QUALCUNO DEVE INFANGARE BITONTO COME UN A CITTA' DI DELINQUENTI E CRIMINALI E UNA PERSONA CHE RINNEGA LA SUA IDENTITA'E SI VERGOGNIIII IO AMO SOLO BITONTOOO!!!! Rispondi a GAEF

  • rafael76 ha scritto il 26 gennaio 2010 alle 20:28 :

    Per me il giudice sportivo é stato fin troppo clemente. io avrei dato almeno un anno di squalifica perché bitonto non é nuova a questi episodi. Chi andrà a roma (per protestare non si sa per cosa) per favore ci rimanga per un bel pò che siete la vergogna del paese. Rispondi a rafael76

  • uforobot83 ha scritto il 26 gennaio 2010 alle 20:04 :

    Quello che è accaduto domenica è un episodio di crudeltà e vergogna per il nostro paese. Purtroppo da quando l'U.S. Bitonto ha deciso di avere una società sfaldata e gli ultras veri...che sotto la neve e in situazioni pericolose (vedi Fasano Bitonto di 2 anni fa)...hanno abbandonato il settore. Se c'eravano noi NAZGUL tutto questo nn accadeva. Rispondi a uforobot83

  • rafael76 ha scritto il 26 gennaio 2010 alle 18:14 :

    Porgo tutta la mia solidarietà all' A.A. Sirsi e gli auguro di tutto cuore una pronta guarigione...e a presto sui campi... Rispondi a rafael76

  • rafael76 ha scritto il 26 gennaio 2010 alle 18:12 :

    Per me il giudice sportivo è stato fin troppo benevolo io avrei squalificato il campo per almeno un anno.... per chi si recherà a roma a fare i buffoni vi prego rimaneteci per un bel pò....forse non riuscite a capire la gravità del gesto e le conseguenze derivanti Rispondi a rafael76

  • micot ha scritto il 26 gennaio 2010 alle 15:13 :

    Non ci sono parole per descivere il vuoto mentale di gente come Gaef.Tieniti la tua Bitonto e quei quattro nullafacenti che vengono allo stadio senza pagare e gettano fango su una intera città.Sta tranquillo,io Bitonto l'ho lasciata anni fa ed è stata una delle scelte migliori della mia vita;dove vivo posso camminare tranquillo e posso andare allo stadio con i miei figli senza alcun timore.Vergognati. Rispondi a micot

  • ippazio ha scritto il 26 gennaio 2010 alle 15:05 :

    Io censusererei GAEF prima ancora di pubblicare i suoi commenti. Come si fa a pretendere di protestare contro la lega dopo che il calciatore del Bitonto ha scalciato un giocatore a terra e il guardalinee è andato addirittura al pronto soccorso. La motivazione di una pena meno pesante qual'è? salvare il calcio a bitonto? Accettate la squalifica, state a casa e forse il calcio a bitonto lo salviamo Rispondi a ippazio

  • giovani2009 ha scritto il 26 gennaio 2010 alle 14:55 :

    Ribadisco il concetto che la tifoseria debba restare tranquilla, sono sicuro che la squadra saprà reagire con maturità e ci continuerà a dare grandi soddisfazioni. Facciamo sentire il nostro calore andando a vedere gli allenamenti e facendo sentire loro i cori.....che non sentiranno quando giocheranno la domenica. Forza ragazzi non mollate mai....chi desiste dalla lotta è un gran figlio de na....... AUGURI Rispondi a giovani2009

  • durango73 ha scritto il 26 gennaio 2010 alle 12:42 :

    comunque GAEF, se vieni a Roma fammi sapere,ti faccio spendere in maniera più proficua il tempo trascorso nella Capitale P.S. Ogni volta che leggo la home page di questo sito, spero sempre di imbvattermi in notizie piacevoli, segni di crescita culturale e sociale della mia città natale, ma purtroppo prevalgono inesorabilmente notizie di tutt'altro tono. Spero che la parte migliore di questa cittadina abbia la forza di reagire.... Rispondi a durango73

  • durango73 ha scritto il 26 gennaio 2010 alle 12:40 :

    Come si fa a non rendersi conto che quello che è successo domenica è inaudito,assolutamente indifendibile e scellerato?Come si fa a parlare di torti arbitrali quando una persona ha rischiato di rimanerci?Chi era al campo ha visto l'autore del gesto? Gaef tu per caso c'eri,se c'eri hai visto qualcosa?Se non hai visto qualcosa,sai chi può aver visto?Se sai che qualcuno ha visto,perchè non lo accompagni in commissariato e sporgi denuncia cercando di non perdere tempo in organizzazioni di pullmann? Rispondi a durango73

  • GAEF ha scritto il 26 gennaio 2010 alle 12:10 :

    ORGANIZZIAMOCI ANDIAMO IN MASSA A ROMA ALLA LEGA PER MANIFESTARE PACIFICAMENTE L'INGIUSTIZIA DI AVER TOLTO IL CALCIO A BITONTO COLPA DI MOLTI ERRORI ARBITRALI E DI QUESTA FORTE STANGATA RACCOGLIAMO DEI FONDI PER SOSTENERE LA SOCIETA' !!!!!!!! BITONTO NON MORIRA' ALLORA TUTTI UNITI E COMPATTI A ROMA !! Rispondi a GAEF

  • GAEF ha scritto il 26 gennaio 2010 alle 12:06 :

    MICOT SE NON AMI BITONTO PUO ANCHE ANDARTENE TRASFERIRTI IN UN'ALTRA CITTA' NOI DIFENDEREMO IL BITONTO CALCIO A TUTTI COSTI STIAMO ORGANIZZANDO UN PULMAN PER ANDARE ALLA LEGA A ROMA MANIFESTAZIONE PACIFICA E RACCOGLIEREMO DEI FONDI PER SOSTENERE LA SOCIETA' FORZA BITONTO I TIFOSI SONO CON VOI PER SEMPRE!!!!!!!!!!! Rispondi a GAEF

  • micot ha scritto il 26 gennaio 2010 alle 09:28 :

    Questo è quello che merita una città in mano a fanatici ignoranti e scellerati.Io ritirerei la squadra dal campionato,poveri i fessi che credono ancora di poter fare calcio in una città schifosa come Bitonto. Rispondi a micot