Calcio a5

Bitonto guida una delegazione regionale ai Campionati nazionali di calcio a 5 Fisdir

Per la nostra Regione, ha partecipato la Polisportiva paralimpica Elos 'Michele Cioce'

Calcio
Bitonto venerdì 17 maggio 2019
di La Redazione
Delegazione Fisdir Puglia
Delegazione Fisdir Puglia © n.c.

Si sono conclusi lo scorso 12 febbraio i Campionati nazionali di calcio a 5 Fisdir (Federazione Italiana Sport degli Intellettivo Relazionali). Ad accogliere gli atleti paralimpici partiti da tutto lo stivale è stata la città di Ferrara, divenuta per tre giorni casa di ventidue squadre pronte a riempire con la propria energia gli spazi del palazzetto dello sport e del Palaboschetto. Presente per l’occasione anche la delegazione regionale pugliese della Fisdir, sotto l’effige della Polisportiva paralimpica Elos “Michele Cioce”. Pronta a rappresentare la nostra regione, la Elos Bitonto ha coinvolto e coordinato un gruppo di atleti provenienti da diverse realtà associative del territorio, selezionati solo sulla base delle proprie, uniche capacità, gareggiando a Ferrara nella divisione Agonistica assieme all’Asd Obiettivo Uomo, alla Total Sport, alla Briantea 84 e alla Format Ferrara.

L’undicesimo campionato nazionale targato Fisdir, realizzato in collaborazione con l’Asd Format Ferrara, quest’anno è stato inserito nell’ambito del progetto “Contropiede”, con l’obiettivo di dare nuovi impulsi e stimoli all’attività sportiva nei territori dell’Italia centrale colpiti dal sisma del 2016.

Una prima prova della delegazione, quella svoltasi nella città Estense, che intende, con entusiasmo e costanza, impegnarsi in maniera continuativa per dare un seguito concreto alla volontà di fare rete: «Il bilancio di questa esperienza è decisamente positivo, sia nell’ottica di un lavoro di squadra che per quanto riguarda il bagaglio di vita di ogni singolo atleta. I ragazzi hanno dato il massimo e non possiamo che voler continuare a perfezionare il lavoro che svolgiamo nel territorio», racconta Vito Sasanelli, direttore sportivo della Polisportiva paralimpica Elos.

Nella nostra regione il movimento paralimpico continua a crescere, grazie all’impegno e alla continuità messi in campo dalla Fisdir Puglia, dal delegato regionale della Federazione Floriana De Vivo e dalle numerose realtà associative locali che, attraverso un costante lavoro promozionale, diffondono nel nostro territorio i sani valori veicolati dallo sport paralimpico, anche grazie a fondi messi a disposizione dalla regione Puglia per uno specifico progetto regionale dell’avviamento alla pratica agonistica.

È principalmente grazie alla collaborazione sinergica con le realtà associative e le istituzioni locali che è possibile dare a questi ragazzi l’opportunità di mettersi in gioco per sfruttare a pieno le proprie potenzialità. A prendere parte in maniera attiva alla delegazione, promossa dalla Fisdir Puglia, Antonio Marinaro, Roberto Martini e Antonello Fiorentino. Un team di lavoro pronto a dare il via al proprio percorso di rete condividendo in maniera proficua gli obiettivi ultimi della manifestazione.

Una girandola di emozioni ha travolto, nella “tre-giorni” nazionale, ogni atleta partecipante. Una serie di sfide sul campo e fuori dal parquet, quelle affrontate, nell’ambito delle quali ogni singolo campione ha avuto tra le mani la possibilità di mostrare la propria passione per il pallone e destreggiarsi in un contesto nazionale, variegato e stimolante. Valori e specificità, questi, condivisi anche dal progetto “Quarta Categoria”, torneo nazionale di calcio a 7 appena conclusosi a cui la Elos Bitonto ha preso parte, ed espressi dalla coordinatrice regionale delle attività Stefania D’Elia.

Esperienze come quest’ultima e come l’avventura ferrarese rappresentano importanti momenti di crescita, nel senso più totalizzante del termine. Sono parentesi di formazione duplice, dalla valenza individuale e collettiva, che forgiano il carattere, la personalità e lo stare al mondo di ciascuno degli atleti speciali, consentendo loro di crescere e iniziare a sentirsi i primi leader della propria esistenza.
Lascia il tuo commento
commenti