Calcio a5

Le perle di Lorusso e Barbosa bastano al Bitonto per superare il Polignano: 2-0

Un goal per tempo basta ai neroverdi per vincere e restare in vetta alla classifica

Calcio
Bitonto lunedì 07 ottobre 2019
di Danilo Cappiello
Bitonto Futsal - Volare Polignano
Bitonto Futsal - Volare Polignano © BitontoLive.it

Sempre in vetta. Sono due perle di assoluta bellezza quelle che il Futsal Bitonto 2019 ha donato sabato ad un pala “Borsellino” gremito in ogni ordine di posto, al termine della sfida vittoriosa contro il Volare Polignano. Due reti di pregevolissima fattura che portano le firme di Lorusso e Barbosa: il primo, con un piattone destro in corsa, figlio del fiuto del goal e del senso della posizione, a cinquantaquattro secondi dalla fine di un primo tempo dominato, ma senza riuscire a sbloccarla, il secondo, un autentico capolavoro. C’è ancora una volta l’essenza di chi questo sport lo vive e lo pratica nella rete del fenomeno brasiliano Claudio Barbosa: elastico all’avversario, mira infallibile e sinistro sotto il sette da posizione impossibile. L’ennesima perla di un archivio in continuo crescendo. L’ennesima perla da vedere e rivedere, che manda in delirio qualsiasi appassionato di questo sport. Vince ancora il Bitonto che batte per due reti a zero il Volare Polignano al termine di una gara in cui ha dovuto contare ben quattro legni subiti ed almeno cinque interventi prodigiosi del portiere di casa, che hanno evitato un passivo molto più pesante ai propri compagni di squadra. Una vittoria che consente al Bitonto di restare in vetta alla classifica a braccetto con l’Itria e di fare sei vittorie su altrettante gara da inizio stagione. Il miglior modo per presentarsi alla sfida di campionato di martedì sera in quel di Mola.


La partita

Orfano dell'indisponibile Decillis, mister Di bari si affida al cinque di partenza composto da: Ritorno; Zerbini, Barbosa, Lovascio ed Acquafreadda.

Pronti via, è Lovascio ad avere sui piedi la palla del vantaggio ma il suo tentativo a tu per tu col portiere è deviato dallo stesso in angolo. Al 5’ Barbosa inizia a scaldare i motori, centrando l'incrocio dei pali con uno splendido destro a giro dal limite dell'area. Barbosa, che un minuto più tardi centra il secondo legno di giornata colpendo in pieno la traversa dalla sinistra, con una conclusione in spaccata al limite dell'area. Al 12' Palermo calcia alto da buona posizione su assist di Satalino. Un minuto più tardi, è Lovascio a cestinare la migliore occasione della prima frazione di gioco, calciando alto da pochi passi a porta sguarnita. Quando il primo tempo sembrava destinato a terminare sullo 0-0, il Bitonto è caparbio a trovare la rete del vantaggio con Lorusso, che capitalizza al meglio l'assist di Lovascio, per impattare in corsa col piattone la sfera all'interno dell'area di rigore e battere il portiere per il vantaggio del Bitonto all'intervallo.

Nella ripresa mister Di Bari riparte dal cinque che vede in campo Ritorno, Zerbini, Barbosa, Orlino e Lovascio. Centoventi secondi effettivi e Lovascio centra il terzo legno di giornata, scheggiando in palo in scivolata su cross dalla sinistra. Passano due minuti ed il conto del Bitonto coi legni fomenta ancora, con il secondo incrocio dei pali di giornata, colpito questa volta dalla meravigliosa conclusione al volo dalla distanza di Zerbini, che avrebbe meritato altro esito. Il Polignano dopo una gara passata a rintanarsi in difesa, prova a farsi vedere dalle parti di Ritorno, ma l'estremo di casa è reattivo a negare la gioia della rete agli ospiti, stendendo la gamba destra sul primo palo, sulla conclusione dall'out di destra degli uomini in maglia biancorossa. Il pericolo corso scuote ulteriormente il Bitonto che al 9' della ripresa trova il raddoppio e lo fa con la solita, splendida magia di Claudio Barbosa; il brasiliano prende palla poco oltre la linea di centrocampo, danza sulla sfera come un equilibrista, supera il proprio diretto avversario con un dribbling ubriacante e con una velocità di esecuzione supersonica scarica alle spalle del portiere ospite una saetta di sinistro sotto il sette che non gli lascia scampo e che fa esplodere in un boato di pura goduria l'intere pala "Borsellino" per la rete del raddoppio del Bitonto. Il vantaggio acquisito fa giocare in scioltezza il Bitonto che sfiora più volte la rete del tris con Barbosa, Zerbini, Lovascio ed Orlino, ma un po’ lo scarso cinismo, un po’ la bravura del portiere ospite, negano ai neroverdi di dilagare. Al fischio finale è festa Bitonto che fa quattro su quattro in campionato e sei su sei in stagione.

Un Bitonto chiamato ora all'impegnativa sfida infrasettimanale di martedì in campionato, in quel di Mola di Bari contro il Just Mola.

Lascia il tuo commento
commenti