Calcio a5

Decillis e Orlino tolgono le castagne dal fuoco al Futsal Bitonto: è 4-3

Bitonto che resta a pari punti con l’Itria che però ha da recuperare una gara

Calcio
Bitonto lunedì 02 dicembre 2019
di Danilo Cappiello
Futsal Bitonto - Arboris Belli
Futsal Bitonto - Arboris Belli © BitontoLive.it

In bilico fra gioia e paura. Anche quando il sabato pomeriggio pare vestirsi del peggior modo di iniziare il fine settimana, con tanto di gambe che danno l’impressione di girare a vuoto, stessa mete delle idee dei giorni migliori e con un escalation di decisioni arbitrali che si collocano fra la rabbia, il ridere amaro e l’incredulità, il Futsal Bitonto 2019 dimostra di non morire letteralmente mai e torna subito al successo affidandosi alla tripletta del niño maravilla Sergio Decillis ed alla seconda rete consecutiva del bitontino doc Dario Orlino per battere 4-3 l’Arboris Belli al termine di una gara carica dalle emozioni forti. Una gara che consente al Bitonto di mantenere virtualmente il primato in classifica a pari punti con l’Itria, la quale dovrà recuperare una gara proprio contro l’Arboris Belli e di prepararsi così nel migliore dei modi alla difficile sfida di sabato in terra salentina contro l’Aradeo, quarto in classifica.


La partita

Mister Pietro Di Bari ritrova Palermo e Barbosa dopo le loro assenze nella sfida dello scorso sabato e parte col cinque iniziale composto da Ritorno; Zerbini, Lorusso, Barbosa e Santoruvo. Dopo un avvio di gara molto contratto e con ritmi eccessivamente bassi, al 9’ il Bitonto riesce a sbloccarla con Decillis, che tutto solo sul secondo palo raccoglie l’assist dalla sinistra di capitan Satalino, per fare 1-0 Bitonto. Il goal pare svegliare dal torpore iniziale i neroverdi che sfiorano al rete del bis con Decillis, il cui sinistro al volo è respinto da Labbate; sulla respinta Orlino prova a mettere in rete col tacco, ma la difesa ospite intercetta ed allontana la minaccia. Il Bitonto, nonostante il vantaggio appare nervoso, tanto che dopo undici minuti effettivi di gioco ha già commesso cinque falli. Il nervosismo fa perdere di lucidità i neroverdi che rischiano la rete del pari in contropiede, dove solo un ottimo Ritorno in uscita bassa, nega la gioia della rete a Posa. Al 15’ il Bitonto prova a farsi rivedere dalle parti di Labbate ancora con Decillis, la cui punta destra lascia di sasso il portiere ospite, ma si spegne sul palo. Qualche secondo più tardi ed è Zerbini ad impensierire l’estremo ospite col sinistro dalla distanza, che però non beffa il portiere che si rifugia in corner. Al 18’ però il Bitonto non può evitare il sesto fallo ed il direttore di gara concede tiro libero per gli ospiti. La conclusione a tu per con Ritorno però si spegne sul fondo e manda le due squadre all’intervallo sull’1-0 per il Bitonto.

Nella ripresa il Bitonto riparte da Ritorno, Lorusso, Palermo, Zerbini e Lovascio. Dopo aver sfiorato il raddoppio col diagonale di Lorusso deviato in angolo ad Labbate, il Bitonto resta in dieci per il rosso a Palermo, reo di essere intervenuto in maniera troppo rude sul giocatore del Trulli e Grotte. È il secondo rosso consecutivo casalingo per il giocatore neroverde, che sconsolato lascia il campo. Complice la superiorità numerica, al 5’ gli ospiti pervengono al pari con la conclusione di destro dalla sinistra di Manghisi che beffa Ritorno e fa 1-1 per i suoi. Il pari ospite scuote decisamente i neroverdi che danno il via al proprio assedio al fortino giallo verde con Decillis che al 6’ centra il suo secondo legno di giornata calciando con l’esterno da destra. Lo stesso Decillis però è implacabile all’8’ minuto, quando raccoglie la respinta del palo su conclusione di Satalino dalla destra, per battere in rete da pochi passi sul secondo palo e fare 2-1 per il Bitonto. Sessanta secondi più tardi ed ancora Decillis sceglie di fare le cose in grande, nascondendo la palla sotto le gambe degli avversari e facendola riapparire direttamente alle spalle del portiere per il 3-1 Bitonto e per la sua tripletta personale. Il Bitonto sembra in totale controllo del match ed al 10’ cala il poker con Orlino, il quale è bravo a recuperare palla sulla trequarti avversaria ed a battere Labbate col tocco sotto sul secondo palo che vale il 4-1 del Bitonto e la sua seconda rete consecutiva dopo il goal dabato a Cisternino. Quando la gara sembrava ormai chiusa però il Bitonto si è mostrato ingenuo nel commettere anche nella seconda frazione di gioco più di cinque falli, consentendo agli ospiti prima di trovare la rete del 4-2 con Minoia che si è liberato sulla destra ed ha battuto Ritorno quasi a tu per tu, poi consentendogli di riaprire definitivamente la gara al minuto 18, due dal termine, col tiro libero di Felice sul quale Ritorno intercetta, ma non riesce a salvare per la rete del 4-3 ospite che rende il finale di gara a dir poco incandescente., complice anche una serie di decisioni arbitrali piuttosto dubbie. Ad una manciata di secondi dal termine il Bitonto prova a scacciare via la paure con Zerbini che allarga tutto per Barbosa il quale controlla la sfera e da pochi passi cestina clamorosamente l’occasione del 5-3, calciando alto. L’occasione fallita ed i pericoli corsi però non influiscono sul risultato, col Bitonto che al fischio finale può far festa per il ritorno alla vittoria che le consentono di mantenere momentaneamente il primato in classifica a quota trentanove punti.

Sabato, sfida all’Aradeo quarto in classifica.
Lascia il tuo commento
commenti